Anziano strangolato in casa nel Milanese, badante condannato a 16 anni

Lombardia
Foto di Archivio
magistrati_toghe

Juan Carlos Dominguez è stato condannato con rito abbreviato a 16 anni di reclusione per omicidio volontario non premeditato. L'uomo era stato arrestato dai carabinieri per aver strangolato l'anziano di cui doveva prendersi cura

Il badante salvadoregno di 34 anni, che era stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di aver strangolato l'anziano di cui doveva prendersi cura, un 71enne di San Giuliano Milanese (Milano), è stato condannato con rito abbreviato a 16 anni di reclusione, per omicidio volontario non premeditato.

La morte della vittima

La morte del pensionato, ex dipendente del gruppo Eni, risale al 25 novembre del 2017. L'uomo era stato trovato riverso nella sua abitazione con la porta aperta e diversi locali a soqquadro. Il salvadoregno, Juan Carlos Dominguez, era stato ingaggiato via Internet dal pensionato, direttamente nel suo paese, ed era in Italia da pochi giorni.

La confessione

L'uomo aveva confessato sostenendo di essere stato schiaffeggiato dal pensionato, al culmine di una lite nata dalla decisione dell'uomo di licenziarlo in tronco senza riconoscergli ulteriori pagamenti. Da ciò sarebbe scaturita una colluttazione. Il badante aveva abbandonato il 71enne esanime e se n'era andato portandogli via uno smartphone e un tablet, che avevano poi permesso di rintracciarlo prima che potesse lasciare l'Italia. 

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.