Innovazione e sostenibilità per il lavoro in vetrina a Job&Orienta

Lavoro
job_foto

Apre i battenti alla Fiera di Verona il salone nazionale dedicato all’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro. Il tema della 29ma edizione è '#illavorochevorrei: orientamento, innovazione, crescita sostenibile'

Innovazione e sostenibilità: sono le due parole chiave su cui devono trovare perno le competenze da formare guardando al futuro, ossia le più utili e strategiche sia per i giovani che per le imprese. Per garantire le migliori chance di occupazione ai primi e, insieme, maggiore competitività alle seconde. Perciò il titolo scelto per questa 29a edizione di Job&Orienta, salone nazionale dedicato all’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, è '#illavorochevorrei: orientamento, innovazione, crescita sostenibile'. Promosso da VeronaFiere e Regione del Veneto, in collaborazione con ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca e ministero del Lavoro e delle politiche sociali, da quasi trent’anni Job&Orienta valorizza e rafforza il dialogo tra mondo della formazione e mondo del lavoro.  Ma oggi più che mai è di fronte a un contesto economico-produttivo in continua evoluzione e a un mercato occupazionale così complesso e difficile è la stretta connessione tra i due universi è diventata necessaria e imprescindibile. E un buon orientamento costituisce ancor più lo strumento indispensabile ad accorciare i tempi di transizione dai banchi di scuola al lavoro, e ad alzare i livelli di spendibilità delle competenze formate e di occupabilità dei nostri giovani.

Spazio all’innovazione

A Job, dunque, spazio all’innovazione, quella capace di costruire anche un futuro e una crescita sostenibili: per l’economia e il lavoro, per la società, per il pianeta. È l’Europa stessa a indicarlo da tempo, sollecitando a trasformare i nostri modelli di impresa e di economia: ne sono bussola gli Obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell’Onu. Un’innovazione che porta con sé opportunità, introduce nuove figure professionali e chiede nuove competenze (anche nei settori più tradizionali del made in Italy: a Job un focus sul settore moda); e al tempo stesso apre nuove sfide e sollecita a rinnovare le modalità della didattica e dell’orientamento.  A raccontarlo i diretti protagonisti: studenti e docenti, giovani, imprese: best practices di didattica digitale, esperienze di alternanza scuola lavoro (oggi percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento), i risultati degli Its-Istituti tecnici superiori; e ancora i green jobs, le frontiere dei nuovi lavori del digitale e le competenze digitali, oggi richieste per la maggior parte dei profili professionali ricercati.

I dati Excelsior-Unioncamere

A fare da sfondo ai tre giorni di Job il nuovo Report Excelsior di Unioncamere e Anpal sui fabbisogni occupazionali 2019-2023, declinati appositamente per l’evento analizzando le prospettive di spendibilità dei titoli di studio. L’inaugurazione dell’evento ha visto la partecipazione (Auditorium Verdi, Pala Expo), di Maurizio Danese, presidente di VeronaFiere Spa, Federico Sboarina, sindaco di Verona, Manuel Scalzotto, presidente della Provincia di Verona, Luca Zaia, presidente della Regione del Veneto, e ancora Anna Ascani, viceministra dell'Istruzione, dell’università e della ricerca, e il ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Nunzia Catalfo. Presentato in anteprim il nuovo piano di comunicazione nazionale degli Its del Miur, quello che servirà a far conoscere maggiormente gli istituti tecnici superiori. Si tratta di percorsi biennali post diploma fortemente rispondenti alle vocazioni economico-produttive dei territori di appartenenza, integrati con le imprese e capaci di intercettare le innovazioni tecnologiche, con buone performances di occupabilità per i diplomati. 

Premi a ‘Storie di Alternanza’

Nel pomeriggio (dalle ore 14,30), la premiazione dei vincitori di 'Storie di alternanza', concorso promosso da Unioncamere e dalle Camere di commercio italiane, in un evento curato in collaborazione con il Miur e Federmeccanica: il riconoscimento andrà ai sei migliori videoracconti ideati, elaborati e realizzati dagli studenti e selezionati sui territori dalle camere di commercio italiane; sul palco, da protagonisti, gli studenti vincitori e i loro tutor scolastici e aziendali. L’obiettivo del Premio è valorizzare i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, come strumento didattico che arricchisce il bagaglio formativo ed esperienza dal forte valore orientativo per i ragazzi. Tra i grandi ospiti istituzionali attesi nelle tre giornate anche il sottosegretario di Stato del Miur, Giuseppe De Cristofaro, il presidente di Confindustria Moda, Claudio Marenzi, la segretaria generale nazionale Cisl Scuola, Maddalena Gissi, il presidente di Anpal, Mimmo Parisi, il presidente di Indire, Giovanni Biondi. Numerose, sempre, le voci di studenti, docenti, giovani e imprenditori, oltre a rappresentanti del mondo economico e associativo. Spazio anche alle testimonianze dalla cultura, lo sport, la cooperazione, a Job per raccontare ai ragazzi storie di impegno e di passione, sogni, fatiche, scelte e vittorie: da Sara Arduini, key artist giovane Premio Oscar per il remake 3D del Re Leone, al rapper italo-nigeriano Tommy Kuti, dall’atleta di triathlon Bernardo Bernardini ai campioni di basket della Umana Reyer, fino ai riders della neonata cooperativa veronese Food4me.

 

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24