Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Da Giovanni Pascoli ai Queen, l’arte celebra le stelle cadenti di San Lorenzo

I titoli di Sky TG24 delle ore 18 del 10/08

3' di lettura

La notte del 10 agosto ha ispirato poeti, cantanti, registi e scrittori, che hanno legato l’evento astronomico a fatti storici, come il film “La notte di San Lorenzo”, ma anche, come Jovanotti, alla tradizione dell’esprimere un desiderio

Stelle cadenti e desideri espressi con il naso all’insù. Oggi, 10 agosto, è la notte di San Lorenzo, e come da tradizione gli italiani scruteranno il cielo per cercare di scorgere qualche stella cadente. Un fenomeno scientifico, ovvero il momento in cui la Terra attraversa lo sciame delle Perseidi, ma che al tempo stesso ha conquistato anche il mondo dell’arte, dal cinema alla letteratura fino alla musica. (GLI EVENTI ASTRONOMICI DI AGOSTO)

La poesia di Pascoli

Già alla fine dell’Ottocento Giovanni Pascoli parla della notte delle Perseidi nella poesia “X Agosto”, dedicata al padre, Ruggero, assassinato nel 1867 in circostanze misteriose. "San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l'aria tranquilla arde e cade, perché sì gran pianto nel concavo cielo sfavilla" scrive il poeta parlando del delitto, che aveva come sola testimone la famosa cavallina storna che vide chi aveva sparato a quel fattore di Torlonia San Giovanni in Compito nei pressi di Savignano, ma confermò i sospetti solo con un nitrito.

“La notte di San Lorenzo” dei fratelli Taviani

Ha inizio il 10 agosto 1944 il film “La notte di San Lorenzo” dei fratelli Taviani, che racconta il massacro da parte delle truppe tedesche di una parte della popolazione di San Miniato, in Toscana, avvenuto in una chiesa durante la Seconda Guerra Mondiale. Uscito nel 1954 con la collaborazione di Valentino Orsini, la pellicola narra la fuga dal paese di un gruppo di abitanti che va incontro agli americani e la morte della popolazione rimasta nella chiesa.

Il romanzo di Neil Gaiman

Le stelle cadenti sono invece il centro della trama di "Stardust", romanzo di Neil Gaiman pubblicato nel 1999 in Inghilterra e dal quale è stato tratto l’omonimo film del 2007. Protagonista del libro è Tristan, un giovane garzone che abita in un paese di confine tra il suo mondo, l'Inghilterra del 1800, e un mondo fantastico di nome Faerie. Il giovane promette alla ragazza più bella del villaggio che attraverserà il confine e le porterà una stella caduta, iniziando così un viaggio all’insegna di creature magiche e malvagie.

Le stelle cadenti nella musica

Anche la musica non si è lasciata sfuggire la magia della notte delle stelle cadenti. A partire dai Queen, con Freddie Mercury che nel 1979 in “Don’t Stop Me Now”, da lui scritta, canta: “I'm a shooting star, leaping through the sky” (Sono una stella cadente che attraversa il cielo). Ma anche Jovanotti, quest’anno impegnato nel Jova Beach Party sulle spiagge, punto prediletto per l’osservazione delle stelle cadenti, nel 2018 cantava: "Vedo stelle che cadono nella notte dei desideri. È una notte come tutte le altre notti. È una notte con qualcosa di speciale".

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"