Molestie, Weinstein cita Meryl Streep a sua difesa. Lei: "Patetico"

Harvey Weinstein e Meryl Streep (GettyImages)
2' di lettura

I legali del produttore hanno usato un comunicato stampa della diva per convincere il giudice ad archiviare le accuse. "Atto offensivo" ha ribattutto la star

Harvey Weinstein, produttore cinematografico accusato di molestie sessuali da decine di attrici, ha usato in sua difesa le dichiarazioni rese da Meryl Streep nel corso di una causa federale attualmente in corso. Per la star si tratta di un tentativo "patetico e offensivo"di manipolare le sue parole.

La replica della Streep

"L’uso che gli avvocati di Harvey Weinstein hanno fatto del mio comunicato stampa – in cui affermavo che non ha mai avuto un comportamento molesto nei miei confronti – per evidenziare che non ha abusato di molte altre donne è patetico" ha fatto sapere Meryl Streep. L’attrice si è quindi duramente schierata contro la condotta del produttore americano: "le azioni criminali che è accusato di aver commesso su queste donne sono una sua responsabilità, e se c’è un po’ di giustizia al mondo pagherà per quel che ha fatto. A prescindere da quanti bei film Harvey possa aver acquistato o finanziato". 

La difesa di Weinstein

Gli avvocati di Harvey Weinstein hanno usato le parole di Meryl Streep per scagionare il proprio assistito in una causa federale dove è accusato da sei donne. Secondo i legali, le accuse non sarebbero accertabili, e potrebbero essere facilmente contraddette dalle dichiarazioni di alcune attrici che hanno collaborato personalmente con il produttore: tra loro ci sono Jennifer Lawrence, che aveva spiegato di conoscere Weinstein da anni ma di non aver mai avuto problemi, e la stessa Streep, che in un comunicato stampa lo aveva descritto come "estremamente rispettoso".

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"