"Il laureato" compie 50 anni: dieci curiosità sul film

La scena finale del Laureato (foto da facebook)
4' di lettura

Il 22 dicembre 1967 debuttava al cinema la pellicola di Mike Nichols con Dustin Hoffmann. In occasione dell'anniversario, ripercorriamone la storia con una serie di aneddoti dal set

Il debutto sul grande schermo di Dustin Hoffmann, la colonna sonora di Simon and Garfunkel e il lucido ritratto dello scontro generazionale tra giovani e adulti: il 22 dicembre 1967 arrivava nelle sale americane "Il laureato". La pellicola di Mike Nichols raccontava la vicenda di uno studente di famiglia benestante, Benjamin (Dustin Hoffmann) alla ricerca del suo posto nel mondo: di ritorno a casa alla fine del college, il ragazzo si imbarca in una relazione con una donna più adulta di lui, Mrs Robinson (Anne Bancroft), scoprendosi poi innamorato della figlia di quest'ultima, Elaine (Katharine Ross). In occasione del cinquantesimo anniversario del film, ripercorriamone la storia attraverso curiosità ed aneddoti dal set.

Una storia (quasi) vera

"Il laureato" è tratto dall'omonimo romanzo di Charles Webb. L'opera sarebbe ispirata alla vita dello scrittore, che avrebbe vissuto una relazione con una donna matura, ricca e sposata, conosciuta a Pasadena.

Questioni anagrafiche

Sebbene Mrs Robinson nella storia sia molto più anziana di Benjamin, nella realtà Anne Bancroft aveva solo sei anni in più di Dustin Hoffmann. L’attore infatti si dimostrava molto più giovane di quanto non fosse, mentre l’attrice fu leggermente "invecchiata" con il make up.

Quando Robert Redford si presentò al provino

Anche Robert Redford sostenne un’audizione per il ruolo di Benjamin. Il regista Mike Nichols lo bocciò perché non pensava avesse le qualità adatte per il personaggio. Nel motivare la sua scelta, il regista gli spiegò: "Bob, guardati allo specchio. Pensi davvero di poterti immaginare nei panni di qualcuno che ha difficoltà a sedurre una donna?".

La locandina

La celebre locandina del film mostra in primo piano la gamba di Mrs Robinson, intenta a sfilarsi un collant davanti ad un incredulo Dustin Hoffmann. La  gamba dell’immagine non appartiene ad Anne Bancroft, ma all’allora semi sconosciuta Linda Gray, che anni dopo avrebbe interpretato Mrs Robinson a teatro.

La colonna sonora

La canzone "Mrs Robinson", scritta da Paul Simon era inizialmente intitolata "Mrs. Roosevelt". Solo in un secondo momento fu parzialmente modificata per entrare a far parte della colonna sonora del film.

Le aspiranti Mrs Robinson

Inizialmente Nichols aveva pensato a Jeanne Moreau come Mrs Robinson, facendo leva sul cliché della donn francese più matura che inizi al sesso un giovane americano. La sua proposta non piacque tuttavia ai produttori. Anche Susan Hayward, Doris Day e Patricia Neil furono prese in considerazione per il ruolo.

La scena madre

La famosa scena della seduzione in hotel era basata sull’idea dell’inseguimento. Nella mente di Nichols si ripetevano le dinamiche di una tigre che insegue la sua preda in una giungla: ecco perché erano presenti molte piante in scenografia e Mrs Robinson indossava un abito tigrato.

I riconoscimenti

L’American Film Insitute ha inserito la pellicola al 17esimo posto dei Migliori film della storia. Sono addirittura due le citazioni inserite nella classifica dell’AFI dedicata alle migliori frasi tratte da un film: "Mrs Robinson, sta cercando di sedurmi?" al 63esimo e "Plastica" al 42esimo.

La location

Per le riprese in Università fu chiesto il permesso alla University of Oregon, ma per il suo rifiuto la produzione optò per la University of Southern California a Los Angeles. Incredibilmente la University of Oregon, pentita del rifiuto per "Il laureato", accettò la richiesta per le riprese di "Animal House".

Leggi tutto
Prossimo articolo