Operatrice Rsa, ho contagiato genitori,papà è morto

Liguria
@ANSA
c9eff99c388fae6cba7fa04b2504f0be

"Infettata al lavoro". Dirigenza, no a conclusioni sommarie

 "Mi sono ammalata di Coronavirus al lavoro e ho contagiato i miei genitori. Mio padre è morto, io prendo calmanti per superare i sensi di colpa". A raccontare il dramma è una operatrice sanitaria della Rsa di Andora (Savona) Stella Maris. La donna ha accusato i primi sintomi del virus a inizio marzo e due settimane fa ha perso il padre. "Vivo con i genitori - racconta - ho provato ad isolarmi stando in camera, mangiando dopo di loro. Ma non è bastato". Dopo un ricovero in ospedale, è stata dimessa il 19 marzo. Il giorno dopo il padre è peggiorato. "La saturazione è andata completamente fuori controllo, è stato ricoverato ma non è riuscito a superare una crisi". Chiede giustizia: "la residenza non ci ha informato in tempo della malattia di un'infermiera e non ci ha dotato di Dpi in tempo utile. Siamo stati avvisati solo il giorno prima che io avessi i sintomi, pretendo giustizia".
    La dirigenza si difende: "La prima positività è stata evidenziata il 14 marzo, quando una nostra ospite è morta. Lo sconforto della operatrice è comprensibile ma non può giustificare conclusioni sommarie. Non si può affermare con certezza che il virus l'abbia contagiata dentro la struttura".
    Nella casa dall' 1 marzo sono morte 6 persone, tra cui una donna di 105 anni non positiva e una malata terminale. "Oggi nessun paziente ha febbre - garantisce la direzione -. Dal 23 febbraio la struttura è chiusa alle visite. Gli ospiti non accedono a spazi comuni, sono accuditi e consumano i pasti nelle camere. Gli operatori utilizzano tutti i presidi". 
   

Genova: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24