Presentano libro casa editrice vicina a CasaPound, prete fa suonare campane a lutto

Liguria
@ANSA
2e39a64f276e7ab30fe1d1f1751c87b6

"E' morto lo spirito che ha pervaso Spezia per anni", ha detto spiegando il suo 'gesto di protesta' contro la presentazione di un volume edito da AltaForte vicino alla chiesa

Le campane della chiesa di Nostra Signora della Salute alla Spezia hanno suonato 'a morto' durante la presentazione di un libro edito da Altaforte, la casa editrice 'espulsa' dal Salone del Libro di Torino perché vicina a CasaPound che si sta svolgendo a pochi metri in una sala pubblica intitolata a un antifascista.

Il parroco don Francesco Vannini ha detto che si è trattato di "un gesto di protesta.  Oggi è morto lo spirito che ha pervaso la città per moltissimi anni".

In questa chiesa, ha detto il prete, "c'è uno spazio che durante la guerra serviva per salvare le persone in difficoltà: soldati inglesi, partigiani e famiglie, ma anche fascisti che rischiavano il linciaggio dopo la Liberazione".

La chiesa è un luogo simbolo anche perché "al suo interno - ha detto don Francesco - vive la memoria di don Antonio Mori, parroco che nel 1944 fu arrestato perché contrario al fascismo". Tra l'altro in quegli spazi è stato custodito un ciclostile che veniva utilizzato "da tutti i partiti dell'arco costituzionale".

"Le campane suonate a lutto dal sacerdote? Una protesta come un'altra, certo un gesto discutibile da parte di un 'organo' che dovrebbe essere al di fuori della politica. Noi continuiamo per la nostra strada, non ci infastidiscono le campane né il presidio di protesta". Così Francesco Carlodalatri, referente di CasaPound alla Spezia, commenta all'ANSA la scelta del parroco.
   

Genova: I più letti