Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Inflazione, Istat rivede le stime al ribasso: 0,4% ad agosto, stesso livello di luglio

I titoli delle 18 di Sky Tg24 del 16 settembre

3' di lettura

L’istituto lima di un decimo la stima diffusa a fine agosto (0,5%) e parla di livello “contenuto”. Su base mensile, la variazione dei prezzi è dello 0,4% (stima era 0,5%). Il “carrello della spesa” sale dello 0,7% su base annua, dallo 0,6% di luglio: previsione era 1%

L’inflazione, la variazione annua dei prezzi, si attesta ad agosto allo 0,4%. È lo stesso livello di luglio. A rilevarlo è l’Istat, che rivede al ribasso di un decimo la stima diffusa a fine agosto (0,5%). Su base mensile, la variazione dei prezzi è dello 0,4%: anche questa limata nel confronto con il primo rilascio (0,5%). L’inflazione, dunque, non registra più una lieve accelerazione ma una stabilità e, come scrive l’Istat, resta “contenuta”.

Il “carrello della spesa” sale dello 0,7%

L’Istat ha diffuso anche i dati sul cosiddetto “carrello della spesa”, che raggruppa i prezzi per i beni alimentari, per la cura della casa e della persona: sale dello 0,7% su base annua, dallo 0,6% di luglio. Questi dati definitivi tagliano le stime di due settimane fa, secondo cui l'accelerazione sarebbe arrivata all'1%. Resta comunque uno “spread”, un differenziale, rispetto al dato dell'inflazione, più basso (0,4%).

L'inflazione nel Sud doppia quella nel Nord

Dai dati dell'Istat sui prezzi ad agosto emerge che l'inflazione nel Sud doppia quella dell'Italia settentrionale. Il Meridione, infatti, accelera: il tasso passa dallo 0,6% di luglio allo 0,8%. Nel Nord, invece, la crescita è stabile e pari al livello nazionale (+0,4%). Nelle Isole il tasso resta allo 0,5%, mentre il Centro è ancora al di sotto della media, sebbene in leggera risalita (da +0,1% a +0,3%). Guardando alle grandi città, al primo posto c'è Bari (+1,3%), seguita da Modena (+1,1%) e Bolzano (+1,0%). In deflazione risultano Bologna e Ravenna (-0,3% per entrambe), Trento (-0,2%) e Ancona (-0,1%).

Gli andamenti dei prezzi ad agosto

Guardando ai rialzi di agosto, l'Istat mette in evidenza i tassi d'inflazione relativi ai prodotti farmaceutici (passati da +0,2% a +0,5%, con una variazione nulla su base mensile), ai giornali e periodici (da +1,2% a +2,2%, +0,8% rispetto al mese precedente). Sottolinea anche l'inversione di tendenza registrata per i beni non durevoli per la casa, tra cui rientrano i detersivi (da -0,4% a +0,1%, +0,6% il congiunturale). L'Istituto di statistica, poi, nota "andamenti più vivaci, dovuti alla peculiarità del mese di agosto", cioè a effetti stagionali, per i prezzi del trasporto aereo passeggeri, che accelerano da +6,9% a +8,5% (+31,7% su base mensile): i voli nazionali passano da -0,9% a +2,4% (+25,2% il congiunturale) e i voli internazionali da +9,7% a +10,4% (+33,8% su base mensile). Diversamente, i prezzi del trasporto marittimo, pur crescendo del +25% rispetto al mese precedente, in termini tendenziali passano da +0,1% di luglio a -0,8% di agosto. Quanto all'inflazione di fondo, calcolata al netto degli energetici e degli alimentari freschi, resta stabile rispetto al mese di luglio, confermando lo 0,5%. L'inflazione acquisita per il 2019 si attesta, invece, allo 0,8%.

Data ultima modifica 16 settembre 2019 ore 11:20

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"