Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Scontrino fiscale elettronico dal 1° luglio, come funziona e cosa cambia

I titoli delle 19.30 di Sky Tg24 del 24 giugno

3' di lettura

Saranno coinvolti inizialmente gli esercenti con un volume d’affari superiore ai 400mila euro annui, poi dall’inizio del 2020 l’obbligo scatterà per tutte le altre attività. Alcune categorie non saranno coinvolte

Al via dal primo luglio 2019 lo scontrino fiscale elettronico. Il fisco, dopo l'introduzione della fattura elettronica, punta ancora sul digitale per la lotta contro l'evasione. L’invio elettronico degli scontrini manderà in pensione il vecchio tagliando cartaceo necessario per comprovare gli acquisti. L'introduzione sarà graduale: riguarderà dapprima gli esercenti (circa 200mila) con un volume d'affari superiore ai 400mila euro l'anno e poi, dall'inizio del 2020, tutti gli altri (circa 2 milioni di attività), anche i più piccoli. Lo scontrino elettronico sarà accompagnato dall'arrivo di una lotteria dei corrispettivi e da uno sconto fiscale riservato ai negozianti per aggiornare o acquistare un registratore di cassa elettronico.

Come funziona lo scontrino fiscale elettronico

Con il nuovo scontrino digitale, viene dato il via a un collegamento diretto con l’Agenzia delle Entrate dove verranno direttamente trasferiti i dati relativi alla transazione. Tra i benefici ci sono ovviamente i controlli tempestivi e anche la possibilità di avviare analisi del rischio evasione, ma anche la diffusione dei pagamenti elettronici e la possibilità di favorire la digitalizzazione del paese, creando nuovi servizi.

Cosa cambia per i consumatori finali

Il consumatore finale, al momento del pagamento, riceverà un documento cartaceo e digitale, si potrà avere anche via mail. Lo scontrino, come quello vecchio, potrà essere utilizzato per le garanzie sui prodotti acquistati e per le detrazioni.

Norme ad hoc per i farmacisti, alcune categorie non coinvolte

Sono previste norme ad hoc per i farmacisti (che già inviano i dati con la tessera sanitaria per aiutare la dichiarazione precompilata) e un ausilio da parte dell'Agenzia delle Entrate per favorire il passaggio con procedure web gratuite anche su tablet o smartphone. Non saranno invece obbligati allo scontrino elettronico, come previsto dai decreti sugli esoneri del Mef del 16 maggio 2019, tabaccai, giornalai, venditori di prodotti agricoli e di servizio di telecomunicazione, oltre che le aziende di trasporto pubblico che hanno il titolo di viaggio (coincidente con lo scontrino).

Sconto fiscale per i nuovi registratori di cassa

Sempre per gli esercenti è previsto uno sconto fiscale pari al 50% del costo, fino a un massimo di 250 euro, per l'acquisto dei nuovi registratori di cassa telematici in grado di memorizzare gli scontrini e favorire anche la nuova lotteria dei corrispettivi che partirà dal 2020. Con l’avvio generalizzato dello scontrino elettronico, i consumatori potranno parteciparvi fornendo il proprio codice fiscale.

Cosa è la lotteria dei corrispettivi

La lotteria dei corrispettivi, collegata all’introduzione dello scontrino fiscale elettronico, prevede estrazioni mensili con premi fino a 10mila euro e un’estrazione finale annuale con maxi-premio da un milione di euro. L’obiettivo della lotteria è quello di spingere i contribuenti a chiedere lo scontrino fiscale per fare emergere quanto più nero possibile. Alla lotteria non potranno partecipare i minorenni e i soggetti non residenti in Italia (e quindi privi di codice fiscale). 

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"