Ilva, Di Maio: miglioramenti su piano ancora non bastano

3' di lettura

Il vicepremier all'indomani del tavolo al Mise: "Se la gara non è fatta a regola d'arte io non posso mandarla avanti". E spiega: "Non ho certezza rispetto ai pasticci che hanno fatto quelli di prima". L'ex ministo Calenda: "Ragazzino incapace"

Sull'Ilva "per me il piano ambientale e occupazionale non sono soddisfacenti". A ribadirlo è il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, all’indomani del tavolo che si è svolto al Mise proprio tra il vicepremier, i vertici dell'azienda ArcelorMittal e 62 sigle tra associazioni, enti locali e soggetti vari. Per Di Maio "il futuro è legato a due cose. Uno è che se la gara non è fatta a regola d'arte io non posso mandarla avanti". "Dall'altra parte", precisa, "siccome i tempi sono quelli che sono e io non ho certezza rispetto ai pasticci che hanno fatto quelli di prima, allora io sto portando avanti i tavoli con i sindacati e con ArcelorMittal". Intanto è atteso per oggi l’esposto del Codacons alle Procure della Repubblica di Roma e Taranto in cui si chiede di indagare sul contratto di vendita dell'acciaieria alla luce della possibile fattispecie di turbativa d'asta.

Di Maio: precedente ministro ha "firmato in gran segreto l'accordo"

Di Maio ha poi spiegato: "Qui c'è un'altra follia: quello di prima, il precedente ministro dello Sviluppo economico, ha firmato in gran segreto l'accordo per far entrare Mittal nello stabilimento, in cui c'è scritto che ci saranno 3 mila persone che vanno in mezzo ad una strada". Inoltre, ha concluso, il termine del 15 settembre è "tecnico. Potremmo decidere anche prima. Ce lo deve dire la legge. Ovvero l'Avvocatura generale".

La replica di Calenda: Di Maio ragazzino incapace

A stretto giro la risposta dell'ex ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, che su twitter scrive: "Questo ragazzino incapace mi sta facendo irritare. Firma in gran segreto un piffero, la notizia è stata diffusa e commentata da ogni media. Non ha la più vaga idea dei numeri neanche quando vanno a suo vantaggio. 4.000 le persone che Mittal non assumeva ma protette da Amministrazione straordinaria". E ancora: Di Maio "dichiara che 'se la gara non è fatta a regola d’arte la devo ritirare'. Ma ha già dichiarato in Parlamento che la gara è viziata. Dunque o ha mentito in Parlamento o non ha il coraggio di essere conseguente. Incoerenza, Incompetenza, Incapacità". Mentre dal Presidente della Puglia, Michele Emiliano, arriva una richiesta: "Bisogna prendere una decisione. Ovviamente il momento della decisione spaventa un po' tutti, ma non bisogna aver paura".

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"