Fmi, spagnoli più ricchi degli italiani

2' di lettura

Secondo i dati del Fondo Monetario Internazionale rielaborati dal Financial Time, il sorpasso di Madrid su Roma è un segnale "preoccupante": la situazione sarebbe causata dal basso ritmo di ripresa e dallo "stallo politico" che vive la Penisola

Gli spagnoli sono diventati più ricchi degli italiani. A rivelarlo sono i dati del Fondo Monetario Internazionale rielaborati dal Financial Times. Numeri che lanciano un allarme al nostro Paese, ostaggio di un pericoloso "stallo politico". Il sorpasso di Madrid è - secondo l'organizzazione - un segnale "preoccupante" per l'Italia.

Il sorpasso

Secondo le cifre sul Pil pro capite "a parità di potere d'acquisto", Madrid ha superato Roma nel 2017. Il World Economic Outlook menziona tassi di incremento per la Spagna superiori al 3%, più del doppio rispetto all'Italia. Un fenomeno osservato dal 2015. Secondo il Financial Times, che a inizio 2018 aveva rivisto in positivo le stime di crescita dell'Italia, nei prossimi anni la Spagna si staccherà ancora di più dal Belpaese: nel 2022 sarà infatti il 7% più ricca del nostro Paese. Solo dieci anni fa l'Italia faceva segnare il 10% rispetto alla Spagna.

Le cause dello stallo italiano

Le analisi addossano la colpa di questo impoverimento italiano al ritmo di ripresa più basso rispetto agli standard europei. L'economia italiana ha fatto segnare una crescita molto contenuta: appena il 2% dal 2008 ad oggi. Inoltre, altro fattore frenante per l'aumento del Pil è l'instabilità politica, che sta scoraggiando gli investitori esteri.

Le prospettive del Fondo Monetario Internazionale

Secondo le ultime stime dell'Fmi, il Pil spagnolo quest'anno salirà al 2,8% contro circa la metà dell'Italia. Gli ispettori di Washington hanno richiamato Spagna e Italia per l'entità del debito anche se il direttore generale dell'Fmi, Christine Lagarde, durante un dibattito con il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, ha tenuto a sottolineare che "sembra essersi stabilizzato e inizia a scendere".

Leggi tutto
Prossimo articolo