Stretta su malattie dei dipendenti pubblici: oltre 300mila controlli

2' di lettura

Dal 1 settembre le visite fiscali ai lavoratori statali saranno effettuate dall’Inps anziché dalle Asl. Controlli che aumenteranno ma non ci sono abbastanza medici per le visite fiscali

Stretta in arrivo sui controlli sulle malattie dei dipendenti pubblici: dal primo settembre sarà l'Inps ad occuparsi di fare le visite fiscali invece delle Asl in modo da garantire "uniformità sul territorio" nei controlli. La percentuale delle visite, ha spiegato il presidente dell'Istituto, Tito Boeri, dovrebbe essere molto superiore a quella del privato che al momento è del 5% sui certificati presentati. Si dovrebbero superare le 300mila visite a fronte di circa 6 milioni di certificati presentati nel 2015 per meno di tre milioni di lavoratori.  Controlli che aumenteranno quindi ma non ci sono abbastanza medici per le visite fiscali.

“Numero controlli molto alto”

Il numero dei controlli “sarà molto alto" ed “è possibile" che il dipendente in malattia possa essere sottoposto al controllo anche più volte al giorno", ha spiegato Boeri. Le risorse messe in campo sono 17 milioni di euro nella prima fase. A regime saranno destinati 50 milioni di euro l’anno.

Boeri: fasce malattia privati siano di 7 ore, come P.A

Le fasce di reperibilità nei giorni di malattia dei lavoratori privati dovrebbero essere uniformate a quelle dei dipendenti pubblici passando da quattro a sette ore, secondo quanto chiesto dal presidente dell'Inps Tito Boeri. Al momento le fasce di reperibilità nel settore privato sono 10-12 e 17-19 mentre quelle del pubblico sono 9-13 e 15-18. Questo cambiamento, ha detto Boeri, "è auspicabile" per armonizzare le fasce di reperibilità" tra pubblico e privato per le visite fiscali e "la strada giusta è andare verso l'ampia reperibilità”.

Serve decreto per fissare le fasce

Nel presentare il Polo unico delle visite di controllo che l’Inps inaugura dal 1 settembre, Boeri ha detto: “Abbiamo bisogno del decreto che dovrà fissare le fasce di reperibilità", un passo "importante per aumentare l'efficienza dei nostri controlli. Fasce di reperibilità diverse tra pubblico e privato - sottolinea - comportano il fatto che la gestione delle visite non può essere davvero uniforme". Per Boeri questa armonizzazione "dovrebbe andare verso l'adozione di fasce attualmente presenti nel settore pubblico che permetterebbe, inoltre, di colmare il divario che c'è con gli altri Paesi".

Leggi tutto
Prossimo articolo