Raid omofobo in scuola a Milano, sui muri insulti e svastiche. FOTO

Nelle aule della Scuola popolare di via Bramantino anche scritte che inneggiavano a Salvini. Il vicepremier: solidarietà a chi è stato colpito da vigliacchi. Pareti ripulite da mamme e bimbi. Nell'istituto organizzate attività di sostegno per ragazzi della periferia
  • ©Fotogramma
    Raid omofobo nella Scuola popolare di via Bramantino a Milano. I muri delle aule sono stati imbrattati nella notte del 14 settembre con insulti omofobi, svastiche e scritte come “W Salvini”. Il vicepremier leghista sull’accaduto: "Solidarietà alla scuola e a chi è stato colpito da questi vigliacchi" - Le aggressioni razziste negli ultimi mesi
  • ©ANSA
    L'associazione organizza corsi di dopo scuola e attività di sostegno per i ragazzi del quartiere della periferia Nord di Milano e doveva riaprire le attività proprio il 15 settembre, ma i locali sono stati resi inagibili dai vandali che hanno messo a soqquadro tutto - Onu: In Italia violenza e razzismo
  • ©Fotogramma
    Salvini commentando l'accaduto ha detto: "Omofobia, violenza e razzismo non fanno parte dell'Italia che voglio e per cui lavoro". E ha spiegato: "Collegare questi comportamenti al lavoro di buon senso, rigore e sicurezza che sto portando avanti è follia". Dopo i rilievi delle forze dell'ordine, questa mattina i bambini e le loro mamme hanno preso scope e stracci per aiutare a rimettere tutto in ordine - Farnesina a Onu: "Accuse razzismo infondate"
  • ©ANSA
    "Attaccare una scuola che punta sull'integrazione significa voler ostacolare il futuro del nostro Paese", ha commentato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. "Non possiamo più tollerare gesti come questo: da milanesi continuiamo a credere in una città aperta, solidale e profondamente democratica", ha aggiunto - Aprilia, spari contro un migrante
  • ©ANSA
    Secondo l'assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno, "la scuola di cultura popolare in Via Bramantino, a Milano, ha subito un assalto intimidatorio da vigliacchi fascisti che hanno lasciato firme anonime perché sono vigliacchi, ma politicamente perfettamente identificabili. Questo è il risultato delle politiche di ordine pubblico del Ministro dell'Interno Salvini, a cui, riconoscenti, questi criminali inneggiano" - Spari a un migrante a Pistoia
  • ©Fotogramma
    Anche l'Anpi provinciale di Milano ha espresso "solidarietà" ai volontari e ai ragazzi della scuola di via Bramantino: "Contro questo luogo di solidarietà si è scagliata la violenza dell'intolleranza e del razzismo", ha commentato il presidente di Anpi, Roberto Cenati - Attrice Ottavia Piccolo fermata per fazzoletto Anpi