Coronavirus, news. 17.246 nuovi casi e 522 morti. Sale tasso di positività (10,7%)

Dimnuiscono le terapie intensive (-22) e i ricoveri ordinari (-415). Via libera dal governo allo scostamento di bilancio fino a 32 miliardi: ora toccherà al aprlemtno approvarlo. Definita la bozza del nuova dpcm che entrerà in vigore dal 16 gennaio. Oltre 896 mila le vaccinazioni somministrate finora in Italia. Attesa per le nuove classificazioni delle regioni: 12 quelle a rischio alto

1 nuovo post
Nel bollettino diffuso oggi dal Ministero della Salute sono 17.246 i nuovi contagi a fronte di 160.585 tamponi effettuati. Il tasso di positività risale al 10,7%, le terapie intensive diminuiscono di 22 unità e i ricoveri ordinari di 415. I morti sono 522 (IL BOLLETTINO, LE MAPPE, LE GRAFICHE). Intanto filtrano le misure della bozza del nuovo Dpcm, che dovrebbe restare in vigore fino al 5 marzo (dall'asporto alla scuola, ecco cosa cambia). E c'è attesa per le nuove classificazioni delle regioni: 12 quelle a rischio alto. A causa dell'aumento dei contagi Musumeci ha proposto al governo di dichiarare la 'zona rossa' in Sicilia per due settimane.

Le ultime notizie:

Per ricevere le notizie di Sky TG24:

  • La newsletter sulle notizie più lette notizie (clicca qui
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui
  • Le notizie audio con i titoli del Tg (clicca qui
- di Costanza Ruggeri

Il liveblog termina qui per tutti gli aggiornamenti guarda il nuovo live di venerdì 15 gennaio

- di Redazione Sky Tg24

Asporto, impianti sci, scuola: ecco cosa prevede la bozza del nuovo Dpcm

l provvedimento sarà in vigore dal 16 gennaio al 5 marzo. Da lunedì 18 gli istituti superiori tornano in presenza al 50%. Per bar e attività che vendono bevande e alcolici scatta il divieto di asporto alle 18. Musei aperti nelle zone gialle. Impianti sciistici chiusi fino al 15 febbraio. Anche nelle aree rosse sì alla visite di due persone nell’ambito del territorio comunale
- di Redazione Sky Tg24

Consiglio ministri: ok a scostamento 32 mld

- di Redazione Sky Tg24

Bozza Dpcm, riaprono musei in zone gialle

Riaprono i musei, gli istituti e i luoghi di cultura nelle zone gialle. Lo prevede la bozza del Dpcm in vigore dal 16 gennaio. I musei saranno aperti dal lunedì' al venerdì' "a condizione che detti luoghi, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali nonché dei flussi di visitatori, garantiscano modalità' di fruizione contingentata o comunque tali da evitare assembramenti di persone". 
- di Redazione Sky Tg24

Vaccino: ore 23 aggiornamento Italia,959.848 somministrazioni

Sono 959.848 le persone finora vaccinate contro il Covid in Italia, 600.396 donne e 359.452 uomini. Il dato, aggiornato alle 22.45 di oggi, e' contenuto nel report online del commissario straordinario per l'emergenza sanitaria. Hanno ricevuto il vaccino 727.386 operatori sanitari, 152.746 unità di personale non sanitario e 79.716 ospiti di Rsa. Il numero di dosi somministrate è pari al 68,1% del totale delle dosi consegnate su tutto il territorio nazionale (1.408.875).
- di Redazione Sky Tg24

Bozza Dpcm: misure in vigore fino al 5 marzo

Le misure indicate nel Dpcm saranno valide dal 16 gennaio al 5 marzo. E' quanto si legge nella bozza del Dpcm in base al quale continuano a valere fino a quella data anche le misure per gli ingressi da Gran Bretagna e Irlanda del nord. 
- di Redazione Sky Tg24

Nuova richiesta scostamento sale a 32 miliardi

Sale a 32 miliardi, secondo quanto si apprende a Consiglio dei ministri in corso, la richiesta di scostamento che il governo si appresta a inviare alle Camere. Le risorse serviranno a finanziare il prossimo decreto Ristori.
- di Redazione Sky Tg24

Su tavolo Cdm mini-proroga invio cartelle a fine gennaio 

In arrivo una mini-proroga dell'invio delle cartelle esattoriali: secondo quanto si apprende sul tavolo del Consiglio dei ministri oltre alla richiesta di scostamento ci sara' anche un decreto legge ad hoc per rinviare a fine gennaio la ripresa dell'invio degli atti della riscossione, in attesa di un provvedimento più complessivo.
- di Redazione Sky Tg24

Bozza Dpcm, dal 18 scuole superiori in presenza al 50%

A partire da lunedì le scuole superiori di secondo grado "adottano forme flessibili nell'organizzazione dell'attività didattica... in modo che...almeno al 50% e fino ad un massimo del 75% della popolazione studentesca sia garantita l'attività didattica in presenza". E' quanto prevede la bozza del Dpcm in vigore dal 16 gennaio. Per le scuole dell'infanzia, per le elementari e le medie, prosegue il testo, la didattica continua a svolgersi "integralmente in presenza".
- di Redazione Sky Tg24

Coronavirus, un modello riuscirebbe a prevederne le mutazioni
 

L'algoritmo è frutto di un lavoro di ricerca condotto da un gruppo di esperti del Massachusetts Institute of Technology (Mit) e potrebbe riuscire a prevedere come i virus di influenza, Hiv e Sars-CoV-2 mutino per sfuggire al sistema immunitario e ai vaccini. (LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO)

- di Redazione Sky TG24

Renzi: in pandemia esiste ancora la democrazia?

"Durante una pandemia esiste ancora la democrazia o bisogna interromperla? Faccio questa domanda...". Lo dice Matteo Renzi, leader di Iv, a Dritto e rovescio, su Rete 4. 
- di Redazione Sky TG24

Monitoraggio flussi anti assembramento per tpl Roma

Un osservatorio anti assembramento per monitorare i flussi di studenti e lavoratori sul trasporto pubblico locale. Un controllo costante e in tempo reale coordinato dal Questore di Roma, Carmine Esposito, insieme al personale referente di Atac, Cotral oltre alla collaborazione che le altre forze di polizia, polizia locale di Roma Capitale e Protezione Civile. E' quanto e' emerso, stando all'AGI, dall'ultimo tavolo di coordinamento presieduto dal Prefetto, Matteo Piantedosi, che oggi e' tornato a riunirsi in vista del ritorno in classe per gli studenti delle superiori, in programma nel Lazio lunedi' 18 gennaio. Secondo quanto si apprende, per evitare situazioni di assembramento legati al trasporto pubblico locale, saranno inoltre messi in campo, presidi dinamici e fissi di polizia nei luoghi giudicati piu' a rischio.
- di Redazione Sky TG24

Germania, Merkel vuole restrizioni più rigide

La cancelliera tedesca, Angela Merkel, ritiene che occorrano misure molto piu' rigide per arginare il contagio da coronavirus in Germania. E' quanto hanno riferito alla France Presse fonti della Cdu, il partito conservatore del quale Merkel e' leader.
A un vertice del partito, riferiscono le fonti, la cancelliera ha dichiarato che "il virus puo' essere fermato solo con sforzi aggiuntivi" e ha espresso l'intenzione di discuterne con i governatori dei Laender la settimana prossima in un nuovo tavolo
di crisi con le autorita' regionali.
- di Redazione Sky TG24

Piano Biden da 1.900 miliardi per Covid e economia

Il presidente eletto Joe Biden si appresta a presentare un piano da 1.900 miliardi di dollari per combattere il Covid e i suoi effetti sull'economia. Lo riporta il New York Times citando alcune fonti, secondo le quali il piano include aiuti diretti agli americani e agli stati, e risorse per test e vaccini. 
- di Redazione Sky TG24

Toti: curve del contagio piatte in Liguria

"I numeri di oggi confermano una incidenza piuttosto bassa dell'epidemia in Liguria, questo ci conferma che le misure adottate ci stanno aiutando a contenere il virus. Calano gli ospedalizzati, stabili le terapie intensive. Le curve sono sostanzialmente piatte: abbiamo una cinquantina di nuovi pazienti al giorno e numeri analoghi o piu' alti di dimissioni, per questo l'occupazione dei posti letto e' stabile con una tendenza alla riduzione, anche se occorre sempre e comunque grande prudenza". Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti fa il punto sulla situazione coronavirus e vaccini in Liguria. "Sul fronte vaccini - aggiunge Toti - prosegue bene la campagna nella nostra Regione. Le somministrazioni totali effettuate rappresentano il 61 % delle dosi disponibili. E' importante sottolineare che raggiunta quota 70% ci si fermera', come previsto, per mantenere una scorta prudenziale del 30% in vista dei richiami, che cominceranno la settimana prossima. Si tratta della soglia minima di garanzia da mantenere negli stock
regionali per evitare che manchino le dosi per effettuare i richiami in caso di slittamento delle consegne successive. Molto del futuro della campagna vaccinale dipendera' dalla decisione che l'Agenzia europea del farmaco prendera' sul vaccino di Astrazeneca il 29 gennaio: se arrivera' l'approvazione avremo 8 milioni di dosi nel primo trimestre, 18 del secondo e 14 nel terzo a livello nazionale. Questo cambierebbe tutto, anche perche' questo vaccino non prevede richiamo ma ha bisogno di una sola iniezione. Proprio in vista di un potenziamento della campagna di vaccinazione, e' previsto nelle prossime settimane l'arrivo sul territorio del primo personale assunto dalla struttura commissariale". "Stamattina abbiamo avuto un incontro col Governo sulle nuove
misure previste nel Dpcm che sara' adottato nelle prossime ore. Le nuove regole prevedono l'abbassamento delle soglie per entrare in zona arancione (con Rt a 1 o rischio alto) o in zona rossa (con Rt a 1,25) - aggiunge Toti -. Per questo e' possibile che anche la Liguria diventi prudenzialmente zona arancione nelle prossime giornate, avendo un con Rt a cavallo dell'1. Dovrebbe essere inoltre istituita la zona bianca come richiesto dalle regioni: al momento resta un auspicio perche' non sara' possibile per nessuna regione rientrarvi, perche' servono
parametri molto bassi, ma e' un obiettivo, ci dovremo impegnare tutti per arrivarci".
 
- di Redazione Sky TG24

Vaia (Spallanzani): Italia in grado di vaccinare tutti

"Abbiamo una macchina organizzativa poderosa che e' in grado di vaccinare tutti. Sono convinto che oggi la soluzione e' vaccinare, vaccinare, vaccinare". Cosi' il direttore sanitario dello Spallanzani, Francesco Vaia, ospite della trasmissione 'Porta a Porta', parlando della vaccinazione anti-Covid in Italia. "Il vaccino e' uno strumento fondamentale per sconfiggere il virus - ha sottolineato -. Italiani credete nella scienza, credete in un vaccino sicuro ed efficace. Il tema vero e' la disponibilita' delle dosi. Ci sara' bisogno di porre attenzione  in sede forse anche europea di un accordo che consenta all'Italia di avere il maggior numero di dosi possibile". Interpellato sulla vicenda delle dosi alla Germania, Vaia ha risposto: "Questa cosa ci ha un po' ferito, vedere che la Germania contravvenendo agli accordi abbia preso 40 milioni di dosi e' stato uno schiaffo a tutti". 
- di Redazione Sky TG24

Muore medico in Sardegna, è il terzo da aprile scorso
 

In Sardegna c'e' una nuova vittima fra i medici dall'inizio dell'emergenza coronavirus. E' morto a Cagliari, nel Covid hospital di Is Mirrionis dov'era ricoverato, Ettore Gallus, 69 anni, medico di famiglia con ambulatori a Selargius e Quartucciu, nel Cagliaritano. "Quanto successo ci conferma, tragicamente, quanto il virus sia ancora letale e ci ricorda che da parte di tutti, politica, istituzioni, sanitari e cittadini, sia necessario il massimo sforzo possibile per arginare i contagi e ridurre gli effetti della pandemia", sottolinea Giuseppe Chessa, presidente dell'Ordine dei medici della Provincia di Cagliari, nel manifestare cordoglio alla famiglia del collega deceduto. La prima vittima fra i medici in servizio in Sardegna e' stata, lo scorso aprile, Nabeel Khair, 63 anni, di origine palestinese, medico di famiglia a Tonara, Aritzo, Gadoni, Ovodda e Belvi', nel Nuorese. Anche lui era morto in ospedale al Santissima Trinita', all'epoca non ancora Covid hospital. Lo stesso mese si era spento in terapia intensiva a Sassari un chirurgo del Policlinico Sassarese Marco Spissu, 72 anni, rimasto contagiato dal coronavirus probabilmente durante un intervento chirurgico su un paziente che era poi risultato positivo.
 
- di Redazione Sky TG24

Due milioni israeliani hanno ricevuto prima dose vaccino

Sono oltre due milioni i cittadini israeliani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino del coronavirus. Il raggiungimento del traguardo e' stato celebrato con una cerimonia, alla presenza del primo ministro Benjamin Netanyahu, nella quale una puericultrice ha ricevuto l'iniezione nella citta' di Ramla. La donna ha mostrato alle telecamere un cartello con scritto "sono la numero due milioni". Netanyahu, in campagna elettorale, ha assicurato che "Israele sara' il primo Paese a uscire dalla crisi del coronavirus" e che "gia' si intravede la luce in fondo al tunnel". Lo Stato ebraico ha gia' inoculato la prima dose del vaccino a oltre il 22% della sua popolazione. Le due dosi necessarie all'immunizzazione sono state somministrate finora a 150 mila persone, laddove l'obiettivo del governo e' arrivare a due
milioni entro fine mese.
 
- di Redazione Sky TG24

Cdm su scostamento bilancio posticipato alle 21:30

Il Consiglio dei ministri chiamato a dare il via libera allo scostamento è stato posticipato alle 21:30. 
- di Redazione Sky TG24

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.