Covid, Capua: "Cinema e teatri per campagna di vaccinazione". Dubbi degli esercenti

Cronaca
©Ansa

La virologa, al Corriere della Sera, spiega: "Esiste un problema di distribuzione e stoccaggio a basse temperature, da un'unica fiala o confezione bisognerà vaccinare più persone lo stesso giorno e bisognerà gestire il flusso in maniera distanziata". Nei luoghi dello spettacolo, aggiunge, "vi è già una modalità di ingresso controllata con percorso a senso unico fino all'uscita. C'è elettricità sufficiente per un congelatore a -70 gradi". Perplessità del direttore generale di Anec e Anem

Usare i cinema e i teatri chiusi per la campagna di vaccinazione contro il Covid-19 (AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - SPECIALE). È la proposta della virologa Ilaria Capua che, sul Corriere della Sera, spiega: "Esiste un problema reale di distribuzione e stoccaggio a basse temperature con delle notevoli complessità logistiche". Ma nel frattempo arriva la risposta di Simone Gialdini, presidente di Anec (Associazione nazionale esercenti cinema) e Anem (Associazione nazionale editori musicali): "Vaccinazioni nei cinema? Le sale cinematografiche sono votate allo spettacolo".

"La più complicata campagna di vaccinazione mai affrontata"

leggi anche

Covid, Pfizer chiede all’Fda l'autorizzazione per il vaccino negli Usa

Secondo Capua cinema e teatri sarebbero luoghi adatti sotto molti aspetti, ed è importante capire che "stiamo per intraprendere, e non solo in Italia, la più grande e complicata campagna di vaccinazione mai affrontata dal genere umano. Dobbiamo immunizzare il prima possibile alcune categorie di persone tra cui gli operatori sanitari ed i lavoratori essenziali, le persone a rischio di sviluppare la forma grave".

"Allestire dei presidi e pensarci per tempo"

vedi anche

Covid, le opinioni degli esperti sul vaccino a gennaio

Per quanto riguarda i nodi da affrontare sulla distribuzione e la conservazione del vaccino, la virologa fa presente che, se fosse confermato, "da un'unica fiala o confezione di vaccino scongelato bisognerà vaccinare più persone lo stesso giorno, e che di conseguenza bisognerà gestire il flusso di quelle persone in maniera distanziata. Mi sembra chiaro che bisognerà allestire dei presidi per gestire le operazioni di vaccinazione e che bisognerà pensarci per tempo".

"Cinema e teatri hanno percorsi controllati, elettricità sufficiente"

leggi anche

Vaccino Covid, polemica per parole Crisanti. Aifa: "Grave per Paese"

Per questo, secondo Capua, "si potrebbe trovare una convergenza insperata. Quella di far incontrare virtuosamente due settori sostanzialmente disgiunti, paralleli e indipendenti: quello della sanità pubblica e quello dell'intrattenimento. Perché non esplorare un piano di distribuzione e somministrazione del vaccino che sfrutti i cinema ed i teatri oggi vuoti che risulterebbero funzionali a questo tipo di attività". In questi luoghi, aggiunge, "vi è già una modalità di ingresso controllata con percorso a senso unico fino all'uscita. C'è l'elettricità sufficiente per un congelatore a meno 70 gradi ed altra strumentazione, ci sono i servizi, ci sono le vie di fuga. I vaccinandi potrebbero sedersi secondo uno schema che rispetti il distanziamento". E conclude: "Questi CineVax potrebbero anche poi essere usati per il recupero delle vaccinazioni pediatriche che sono saltate a causa dell'emergenza".

Gialdini: "Le sale cinematografiche sono votate allo spettacolo"

leggi anche

Covid, Speranza: “Da fine gennaio campagna vaccinale senza precedenti”

Repentina la replica dal presidente di Anec e Anem Simone Gialdini: "Le sale cinematografiche sono votate allo spettacolo, la proposta di trasformarci in presidi sanitari appena avanzata da Ilaria Capua ci ha spiazzato". E aggiunge: Un'ipotesi temporalmente catastrofista perché per quando arriveranno i vaccini speriamo di aver superato la criticità dell'epidemia e di aver riaperto le sale". I cinema, spiega, "richiederebbero interventi di tipo igienico-sanitario" e una successiva riconversione all'attività cinematografica che rischia di essere dispendiosa. "Ci sono caserme vuote e strutture pubbliche sicuramente più idonei alle vaccinazioni", sottolinea. "Il periodo delle feste natalizie è cruciale per i fatturati degli esercenti e le sale sono sempre state dei luoghi sicuri. Seriamo che si creino le condizioni per poter riaprire, evitando però passi falsi che ci portino a successive chiusure", conclude Gialdini.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24