Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Bimbo di due anni dimenticato in auto dal papà muore a Catania

2' di lettura

L’uomo, ingegnere 43enne ricercatore con l'università, non ha lasciato il piccolo all’asilo. Quando la moglie è andata a riprendere il bimbo e non l’ha trovato, ha avvertito il marito che è corso in macchina e ha visto il figlio esanime. Indagato per omicidio colposo

Un bambino di due anni è morto a Catania dopo essere rimasto per oltre cinque ore in un’auto parcheggiata sotto il sole. Il padre ha dimenticato di lasciare il piccolo all’asilo mentre andava a lavoro. Quando la madre è andata a prendere il bimbo all’istituto, non l’ha trovato e ha telefonato al marito. A quel punto l’uomo, un ingegnere di 43 anni che ha un contratto di ricercatore con l'università, è corso in macchina e ha trovato il figlio esanime. Dopo la corsa al Policlinico, i medici non hanno potuto fare altro che constatare la morte del bambino. Il padre, come atto dovuto, è indagato dalla Procura di Catania per omicidio colposo. La tragedia riaccende i riflettori sulla norma che impone l'uso di seggiolini salva-bebé: esiste, ma non è ancora operativa perché manca il regolamento attuativo.

“È un uomo disperato"

“È un uomo disperato, distrutto, che piange continuamente e non riesce a spiegare l'accaduto", ha detto un investigatore sul padre 43enne. L'uomo, intorno alle 8, è salito in macchina con il bambino: doveva lasciarlo all'asilo prima di andare a lavoro. Il 43enne, invece, è andato direttamente in ufficio e scendendo dall'auto ha dimenticato che il figlio era nel seggiolino. Alle 13, poi, la telefonata allarmata della moglie - cardiologa del Policlinico - e la corsa verso il parcheggio dell'ateneo. La morte del bimbo sarebbe stata causata dal caldo soffocante all'interno dell'auto, parcheggiata per oltre cinque ore sotto il sole cocente. Questa mattina la temperatura a Catania ha raggiunto i 35 gradi.

Il precedente di 21 anni fa a Catania

La tragedia che ha colpito questa famiglia, originaria di Aci Sant'Antonio, è simile a quella che ha sconvolto sempre Catania 21 anni fa. Allora - il 3 luglio 1998 - era stato un tecnico della Sgs Thompson, una fabbrica di microelettronica che aveva lo stabilimento nella zona industriale della città, a dimenticare in auto il figlio di 20 mesi. Quel giorno, l'uomo prima di andare in ufficio sarebbe dovuto passare dall'asilo a lasciare il piccolo, come faceva ogni mattina. Invece aveva tirato dritto verso il parcheggio dell'azienda, aveva chiuso la macchina ed era andato a lavorare. Il bambino era rimasto nel suo seggiolino, mentre il sole picchiava sull'auto. Poi, dopo sette ore, è stato trovato senza vita.

Data ultima modifica 19 settembre 2019 ore 19:38

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"