Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Open Arms, Toninelli: "Portiamo noi i migranti in Spagna, ma la nave tolga la bandiera"

Da 18 giorni in mare con a bordo ancora 107 migranti, dopo il rifiuto la Ong ha accettato la proposta di Madrid del porto di Minorca. Ma spiega: "La soluzione migliore sarebbe lo sbarco a Lampedusa". Il ministro dei Trasporti mette a disposizione la Guardia Costiera

Leggi tutto
1 nuovo post
Ancora 107 persone si trovano a bordo della Open Arms, da 18 giorni nel Mediterraneo e in una situazione ormai difficile sotto il profilo della resistenza fisica e mentale (Le telecamere di Sky Tg 24 si avvicinano alla nave: VIDEO). Mentre i minori sbarcati lo scorso 17 agosto hanno lasciato Lampedusa per raggiungere con la nave Porto Empedocle  (Agrigento), la Ong che batte bandiera spagnola, dopo un iniziale rifiuto, sta aprendo all'ipotesi di approdare nel porto di Minorca ma solo se l'imbarcazione sarà scortata e "non da navi militari". Ma ai microfoni di SkyTg24 il presidente dell'Ong precisa: "La migliore soluzione sarebbe lo sbarco a Lampedusa" (VIDEO). In serata, il ministro dei Trasporti Toninelli annuncia: "Portiamo noi i migranti in Spagna, ma Madrid tolga la bandiera dalla nave".
- di giuliana.devivo
 
Il liveblog finisce qui. Per rimanere aggiornati sulle ultime news, seguite la diretta di Sky Tg 24
- di Cecilia.MUSSI
- di Cecilia.MUSSI

Zingaretti: caso Open Arms drammatico, governo salvi vite

"Il caso Open Arms è sempre più drammatico. Il governo faccia di tutto per salvare le vite umane in pericolo". Lo scrive su twitter il segretario del Pd, Nicola Zingaretti.
- di Redazione Sky TG24

Migranti. Alarm Phone: barca capovolta, temiamo strage

"Un maxi naufragio nel Mediterraneo? Un pescatore ci ha riferito di una barca capovolta davanti alle coste della Libia. Ha detto di aver salvato tre persone ed aver visto molti cadaveri. I superstiti hanno detto che a bordo c'erano piu' di cento persone. In questo momento non siamo in grado di verificare questa informazione, ma temiamo sia avvenuta un'altra tragedia di massa": lo scrive su Twitter Alarm Phone, il servizio di supporto a coloro che si trovano in difficoltà nel Mediterraneo nel tentativo di arrivare in Europa.

 

 

- di Redazione Sky TG24

Open Arms, presidente ong: miglior soluzione è lo sbarco

 

- di Redazione Sky TG24

Salvini: "No a sbarco, non cambio idea"

Sullo sbarco dei naufraghi della Open Arms "non cambio idea, resto assolutamente contrario. Perché navi spagnole, francesi, tedesche, norvegesi o inglesi vengono tutte in Italia? Perchè non vanno in Spagna, dove sono buoni e generosi e hanno aperto i porti? No, le navi continuano ad arrivare da noi". Lo ha detto il ministro dell'Interno e vice premier Matteo Salvini, ospite di Radio Raiuno. "A terra - ha aggiunto riferendosi ai migranti che sono stati fatti scendere a Lampedusa - sono scesi minorenni che non sono minorenni, malati che non sono malati. Siamo caritatevoli, siamo buoni cristiani ma non siamo fessi".
- di Redazione Sky TG24

Open Arms: sì a traghetti, no a navi militari

 
Per il presidente della Ong Open Arms, Riccardo Gatti, sarebbe opportuno che Italia e Spagna "mettessero a disposizione dei traghetti e non delle navi militari per fare viaggiare queste persone, stremate, in condizioni umane". Rispondendo ai cronisti nel molo commerciale di Lampedusa, Gatti conferma che Open Arms ha avuto comunicazione ufficiale da parte dei governi di Italia e Spagna sulla loro disponibilità a occuparsi dei 107 naufraghi, "ma aspettiamo che si mettano d'accordo sulle modalità: queste persone vanno rispettate, hanno sofferto e soffrono abbastanza". Quindi una stoccata a entrambi i governo: "Perché hanno aspettato 18 giorni per avanzare una soluzione?". 
- di giuliana.devivo

Open Arms disponibile ad attraccare a Minorca se scortata 

 
 
- di giuliana.devivo

Riccardo Gatti di Open Arms: se permettiamo che si giochino battaglie politiche sulla pelle delle persone questa società è schiantata 

 
- di giuliana.devivo

Il cardinale Bassetti: Non siamo politici ma samaritani. A febbraio un sinodo sui migranti

 
"Bisogna fissare lo sguardo su quei valori umani ed evangelici su cui si è formata la nostra società. Bisogna ritornare alle nostre radici. Bisogna affrontare insieme i problemi. Io cerco di chiacchierare poco, ma di fare qualcosa", aggiunge il cardinale Bassetti a margine del Meeting di Rimini parlando del tema dei migranti. "Sto mettendo insieme un meeting invitando tutti i vescovi dei Paesi bagnati dal Mediterraneo. I migranti sono un fenomeno che va al di là dell'Europa perché è un fatto globale. Mi sono accorto - spiega Bassetti - che anche dal mio punto di vista, pur credendo di far bene, si rischia di dare delle risposte parziali, che non affrontano mai il problema alla radice. Insieme, con i pastori di tutto il Mediterraneo, ci troveremo insieme per discutere questi problemi. E' una specie di Sinodo, concluso dal Papa, dal 18 al 23 febbraio prossimo a Bari", ricorda il presidente della Cei. 
- di giuliana.devivo

Open Arms: costerebbe meno trasferirli in aereo

"Dopo 18 giorni di assoluto silenzio i due governi sembrano muoversi.. Perfetto, che si prendano le loro responsabilità. Da parte nostra c'è completa disponibilità a trasferire le persone a bordo delle loro imbarcazioni, ma quali? Dopo 18 giorni mettiamo queste persone a bordo di navi, anche capaci di fare soccorso, che pero' non sono dei traghetti? Dove le mettiamo, in coperta? Ancora per terra?". Ad affermarlo è Roberto Gatti, presidente di Open Arms. Tra l'altro - aggiunge - stamattina abbiamo fatto un calcolo, abbiamo provato ad affittare un aereo che da Catania porterebbe le persone a Madrid: un Boeing per 200 persone viene 240 euro a passeggero. Per risolvere il caso Acquarius l'altro anno sono state pagate circa 290 mila euro per la nave della Guardia costiera, per l'altra nave non è stato neanche detto quanto si è speso.. Di che cosa stiamo parlando se non del disprezzo che le istituzioni stanno mettendo in atto con queste persone?".
- di Redazione Sky TG24

Open Arms forse disponibile a navigare verso Baleari se scortata 

 
Secondo alcune indiscrezioni la Open Arms starebbe considerando la possibilità di dirigersi verso Minorca, dove il governo di Madrid da ieri ha reso disponibile il porto, ma solo se "scortata" vista la difficile situazione a bordo. Nelle prime ore della mattinata Oscar Camps e Riccardo Gatti della Ong spagnola avevano detto che l'unico porto "è Lampedusa perché siamo a 800 metri: noi certamente non possiamo navigare verso Minorca o Maiorca con la situazione che c'è a bordo"
- di giuliana.devivo

 Altri 37 migranti sbarcati oggi a Lampedusa 

 
 
 
 
 
Una motovedetta della Guardia di Finanza che ha rintracciato, davanti la costa di Lampedusa, una piccola imbarcazione con a bordo 37 migranti
 
- di giuliana.devivo

Ue: Trovare soluzione per sbarco immediato

"Rivolgiamo un appello agli Stati membri e alle Ong a collaborare per trovare una soluzione che funzioni e che permetta uno sbarco immediato delle persone a bordo" della Open Arms. Lo ha detto la portavoce dell'Esecutivo comunitario Natasha Bertaud ricordando tuttavia che la "Commissione europea non ha competenza sui porti di sbarco". La portavoce ha inoltre spiegato che il commissario Dimitris Avramopoulos nei suoi contatti con gli Stati membri degli ultimi giorni ha sollevato anche la questione della Ocean Viking. 
- di giuliana.devivo

A Lampedusa "sbarchi fantasma" mentre Open Arms attende 

 
 
- di giuliana.devivo

Il governo spagnolo smentisce la Ong: nessun accordo con Italia sullo sbarco 

 
Il governo spagnolo, dopo aver ribadito l'apertura del porto di Minorca per un eventuale approdo della Open Arms, ha anche chiarito che non c'è in tal senso "alcun accordo con il governo italiano per sbarcare i 107 migranti", come "la Ong afferma confusamente": lo hanno detto fonti della Moncloa a El Pais.  
- di giuliana.devivo

Partita nave Siremar con 37 migranti 

 
E' appena salpata dal molo commerciale di Lampedusa la nave Sansovino della Siremar con a bordo 37 naufraghi della Open Arms, tra cui sei donne e 24 minori. 
- di giuliana.devivo

Vice premier spagnola: l'Ue intervenga contro l'Italia 

 
La vice presidente del governo a interim spagnolo, Carmen Calvo, parlando alla rete radiotelevisiva iberica Ser, ha esortato la Commissione europea a prendere una decisione contro l'Italia perché "infrange le leggi" e mantiene i porti chiusi "contravvenendo a tutte le regole". Alla domanda se la Commissione europea debba avviare una procedura di infrazione contro Italia, Calvo ha insistito sul fatto che Bruxelles debba "prendere decisioni" in modo che vi sia una risposta coordinata ai salvataggi e alla politica di frontiera. "L'Italia non può chiudere i suoi porti", ha affermato la vice presidente che lascia aperta la possibilità di denunciare l'Italia davanti al Tribunale internazionale di Amburgo per i diritti del mare. Calvo ha tuttavia riconosciuto che la nave Open Arms "avrebbe potuto entrare a Malta. Quella soluzione era lì ma non voleva farlo e ha insistito per andare in Italia". 
- di giuliana.devivo

I minori sbarcati due giorni fa verso Porto Emepdocle 

 
A bordo di tre pulmini scortati dalle forze dell'ordine 24 minori, tutti maschi, scesi dalla Open Arms sono arrivati nel molo commerciale per essere imbarcati nella nave Sansovino della Siremar in direzione Porto Empedocle. In tutto sono 27 i minori sbarcati due giorni fa e destinati a diverse strutture. 
- di giuliana.devivo