Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Nave Aquarius, il Tribunale del Riesame: "Non ci fu un traffico illecito di rifiuti"

I titoli di Sky TG24 delle 18 dell'8 febbraio

2' di lettura

Secondo i giudici “esiste la ritenuta potenziale infettività dei rifiuti derivanti dalle operazioni di salvataggio” ma il reato ipotizzato nel decreto del Gip “è insussistente”. Sulla nave pende ancora un provvedimento di sequestro

"Esiste la ritenuta potenziale infettività dei rifiuti derivanti dalle operazioni di salvataggio (nello specifico vestiti e biancheria intima) che dunque avrebbero dovuto essere riferiti come rifiuti sanitari a rischio infettivo o sanitari pericolosi, tuttavia è insussistente il contestato reato di traffico illecito di rifiuti". È la motivazione alla base del provvedimento del Tribunale del riesame di Catania con il quale ha annullato il decreto del Gip che disponeva il sequestro di 200 mila euro da due conti correnti intestati a Francesco Giannino, titolare della 'Mediterranean shipping agency” di Augusta (Siracusa), indagato nell'ambito di l'inchiesta "Bordeless" sulla gestione di rifiuti da navi di Ong.
Nell'inchiesta della Procura di Catania vi è la gestione dei rifiuti da navi di Ong, come la Aquarius di Medici senza frontiere per cui è ancora pendente un provvedimento di sequestro emesso dal Gip per lo stesso reato che il Tribunale del riesame ritiene non configurabile.

I giudici: “Rifiuti non potevano essere smaltiti in modo indifferenziato”

"Gli indumenti ed i vestiti indossati dai migranti, a rischi di contaminazione da agenti patogeni e virus infettivi, ed i rifiuti alimentari rappresentati dagli scarti degli alimenti somministrati ai migranti a bordo, potenziali veicoli, per contatto diretto, di microorganismi, virus e tossine - scrivono il presidente Sebastiano Mignemi e la relatrice Laura Benanti - non potevano essere raccolti e smaltiti in modo indifferenziato, quali residui del carico, assimilati ai rifiuti solidi urbani, bensì previa qualificazione degli stessi come rifiuti sanitari a rischio infettivo o sanitari pericolosi, e con modalità rispettose della salute pubblica".

 

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"