Detenuta Rebibbia, sua intolleranza verso i figli era stata segnalata

2' di lettura

In un documento emerge che il personale del carcere aveva fatto presente "la necessità di accertamenti anche di tipo psichiatrico" sulla donna che ha ucciso i suoi due bambini. Rintracciato il padre dei piccoli: si trova in un carcere della Germania

La detenuta che a Rebibbia ha ucciso i suoi due figli gettandoli dalle scale "era stata più volte segnalata per alcuni comportamenti sintomatici di una preoccupante intolleranza nei confronti dei due piccoli". E il personale in servizio nel carcere aveva segnalato "la necessità di accertamenti anche di tipo psichiatrico". È quanto emerge da un documento firmato dal capo del Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria), Francesco Basentini, e visionato da Ansa. Intanto è  stato rintracciato dai carabinieri e dall'Interpol il padre dei due bambini: si trova in un carcere tedesco.

La lettera sui comportamenti della detenuta

La lettera del capo del Dap, datata 18 settembre, è stata scritta dopo quello che è successo a Rebibbia. Nel documento si legge che il personale del carcere aveva, in qualche circostanza, segnalato i comportamenti che la detenuta aveva avuto verso i figli, evidenziando anche il bisogno di procedere con accertamenti psichiatrici. Inoltre, il capo del Dap ha sottolineato che verrà valutata anche la sostituzione del personale medico, in seguito all’accaduto. Ieri, invece,  il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede aveva sospeso il direttore della casa circondariale femminile, la sua vice e il vicecomandante del reparto di Polizia penitenziaria. 

Rintracciato il padre dei due bambini: è in un carcere tedesco

Nei confronti della 33enne tedesca, reclusa nel carcere romano dal 27 aprile per spaccio di sostanze stupefacenti, intanto, i magistrati della Procura di Roma procedono per il reato di duplice omicidio. Ma i magistrati stanno accelerando anche i tempi per ottenere al più presto il consenso dei genitori all'espianto degli organi di Divine, il piccolo di 18 mesi per il quale i medici del Bambino Gesù hanno accertato la morte cerebrale il 18 settembre. L'altra figlia Fatih, di sei mesi, è invece morta sul colpo. Proprio oggi è stato rintracciato il padre dei due piccoli. Dell’uomo, di origini nigeriane, non si avevano più notizie da tempo e già ieri (19 settembre) il procuratore aggiunto Maria Monteleone e il pm Eleonora Fini avevano lanciato un appello per trovarlo. 

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"