Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Sant'Anna di Stazzema, un ostello per la pace nel luogo dell'eccidio

Il memoriale per le vittime dell'eccidio di Sant'Anna di Stazzema, compiuto il 12 agosto 1944 (Foto: Archivio Getty)
2' di lettura

Enrico Pieri, sopravvissuto al massacro nazista, ha deciso di donare al Comune la casa dove è stata sterminata la sua famiglia. Fino a 30 i posti letto disponibili, finanziamenti dalla Germania

Un ostello della gioventù in uno dei luoghi simbolo della barbarie nazista. Sorgerà a Sant'Anna di Stazzema dove le SS sterminarono 560 persone. L'ostello sorgerà in una delle case oggetto dello sterminio e la struttura si chiamerà "Ostello della pace". Enrico Pieri, sopravvissuto all'eccidio del 1944 (LA STORIA), ha donato la sua casa al Comune, che, grazie anche a finanziamenti in arrivo dalla Germania, potrà completare i lavori.

La storia di Enrico Pieri

Come riporta il quotidiano Il Tirreno, Enrico Pieri è uno dei pochi sopravvissuti all'eccidio di Sant'Anna di Stazzema del 12 agosto 1944. Riuscì a nascondersi in un sottoscala e poi fuggì tra i campi, mentre gli agenti delle SS sterminavano la sua famiglia. Ha deciso di donare la casa in cui è avvenuto il massacro al Comune, per costruire un ostello della gioventù. Dopo la donazione, il sindaco Maurizio Verona si è mosso per trovare i finanziamenti e sembra essere riuscito nel suo proposito. "È un’emozione enorme. Adesso ho unico sogno: vedere quell’ostello finito", ha commentato Pieri al quotidiano toscano: "Voglio lasciare qualcosa quando me ne andrò e vorrei lasciarlo ai giovani, affinché vengano a capire cosa è successo qui". L'idea di costruire un ostello nella casa dell'eccidio era un'idea coltivata da anni, ma la donazione al comune si è concretizzata solo a marzo del 2018.

Il contributo della Germania

Il costo per la realizzazione dell’ostello si aggira, secondo una prima stima del Comune, attorno agli 800mila euro. I soldi arriveranno dalla Germania, il sindaco ha ottenuto l'ok di Angela Merkel in persona: "La vostra iniziativa è degna di nota e commemora i crimini commessi in passato e dovrebbe essere dedicata alla promozione del rapporto tra i giovani in Europa", le parole dell'ufficio della cancelliera. "L’ambasciata tedesca si è impegnata a finanziarlo tutto. Spero che si concretizzi veramente e che non siano i soliti proclami. Io sono forse un sognatore e avrei potuto anche lanciare una raccolta fondi internazionale", ha commentato il primo cittadino di Stazzema. L'immobile donato è la porzione di una vecchia palazzina di tre piani in località "I Franchi", che potrebbe accogliere fino a 30 persone.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"