Carrara, morto sul lavoro operaio di 37 anni

Il deposito di marmo dove si è verificato l'incidente mortale sul lavoro (FOTO: Ansa)
3' di lettura

È accaduto in un deposito di marmi dopo che l'uomo è stato schiacciato da un enorme informe già posizionato a terra. Secondo i sindacati, la vittima aveva firmato un contratto di sei giorni lo scorso 6 luglio

Ancora morti sul lavoro. Questa volta a Padova e Carrara ed i sindacati rilanciato l'Sos sicurezza. Uno, precipitato da una impalcatura al suo primo giorno di lavoro alla Maus di Campodarsego, nel padovano. L'altro, schiacciato da un blocco di marmo a Marina di Carrara, in Toscana.

Schiacciato da un blocco già scaricato

Secondo le prime informazioni, l'uomo morto a Marina di Carrara, sarebbe stato colpito da un blocco di marmo che era già stato scaricato e posizionato. Inutili sono stati gli immediati soccorsi dei sanitari del 118 che, per quasi mezz'ora, hanno cercato di rianimarlo senza risultati. Sul luogo sono intervenuti sia tecnici della Asl sia i carabinieri che stanno conducendo le indagini per ricostruire la dinamica della tragedia. L'area dove si è verificato l'incidente mortale è stata sequestrata. Molte cave della zona, in segno di lutto, hanno subito sospeso il lavoro.

La Cgil: due mesi fa un altro incidente mortale

Tra le prime reazioni alla tragedia è arrivata quella della Cgil di Massa Carrara che ha reso noto che l'operaio, che aveva iniziato a lavorare lo scorso 9 luglio, aveva firmato il 6 luglio un contratto “della durata di 6 giorni”. Il sindacato ha inoltre ricordato che solo due mesi fa si era verificato nella zona un altro infortunio mortale. "Appresa la notizia, nelle cave è scattata la solidarietà di tutti i cavatori che hanno immediatamente abbandonato il lavoro - si legge in una nota della Cgil - e così hanno fatto tanti lavoratori del piano del settore lapideo. La tragedia di oggi è indice di fallimento di tutta la nostra comunità". 

Aumentati gli incidenti mortali

Secondo i dati diffusi dalla Regione Toscana, in 10 anni gli infortuni subiti dagli operai nelle cave delle Apuane è sceso dai 174 del 2006 ai 61 del 2016, ma nello stesso arco di tempo è aumentato il numero gli infortuni mortali: 1 nel 2006, 1 nel 2007, 1 nel 2010, 1 nel 2012, 2 nel 2015 e 3 nel 2016. Il 2017 è stato l'anno migliore durante il quale non si sono registrate perdite sul lavoro, mentre dall'inizio del 2018 quello di oggi rappresenta il secondo infortunio mortale nel settore del marmo. 

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"