Terremoto, serie di scosse in Friuli: la più forte di magnitudo 3.8

L'epicentro della scossa più forte (Ingv)
2' di lettura

A essere interessata è la zona tra Forni di Sopra e Forni di Sotto, in provincia di Udine. Alla scossa più forte, avvertita anche in Veneto, ne sono seguite altre più lievi. Paura tra la popolazione, ma niente feriti né danni

Una serie di scosse di terremoto ravvicinate si è registrata questa mattina, domenica 25 febbraio, in Friuli Venezia Giulia. Ad essere interessata è la provincia di Udine. La prima scossa, di magnitudo 3.8, è stata registrata alle 9.16: l’Ingv ha fatto sapere che l’epicentro, a una profondità di 2 km, è stato a 4 km da Forni di Sopra e a 6 da Forni di Sotto.

Sciame sismico

A questa scossa, nella stessa area, ne sono seguite altre più lievi: l’Ingv ne segnala una di magnitudo 2.4 alle 9.47; il Centro di ricerche sismologiche di Udine ne aggiunge anche due di magnitudo 1.1 (alle 9.37 e alle 10.14). Lo sciame sismico nell'area delle Dolomiti friulane è proseguito anche nel pomeriggio. Una scossa di magnitudo 2.7 è stata registrata alle 15.36 con epicentro vicino a Forni di Sopra (Udine). Secondo le prime rilevazioni sarebbe avvenuta a circa 7 km di profondità. Alle 17.53 è stata rilevata una scossa di magnitudo 3.6, con epicentro vicino a Forni di Sotto (Udine) a circa 10 chilometri di profondità.

Paura, ma niente danni

La scossa più forte è stata avvertita anche a Udine, a Sappada, nel Pordenonese, in tutta la zona del Parco delle Dolomiti friulane e in alcuni centri del Veneto. Non sono stati segnalati né danni né feriti. Le scosse, però, hanno causato paura nella popolazione, anche in considerazione del terremoto del 1976 che devastò il Friuli. Decine sono state le telefonate arrivate ai centralini delle forze dell'ordine e dei centri di soccorso.

Leggi tutto
Prossimo articolo