Crolla una palazzina a Palermo, uomo salvo sotto le macerie

Una delle fasi del salvataggio di un operaio rimasto incastrato sotto le macerie di una palazzina crollata in vicolo Pipitone, nel quartiere dell'Acquasanta, a Palermo, 29 dicembre 2011
1' di lettura

Un edificio in fase di ristrutturazione è ceduto nel quartiere dell'Acquasanta. L'operaio rimasto incastrato tra i detriti è cosciente e non sarebbe in gravi condizioni. Due suoi colleghi sono riusciti a mettersi in fuga scappando dalle finestre

Una palazzina è crollata in vicolo Pipitone, nel quartiere dell'Acquasanta, a Palermo (guarda la mappa). A cedere sono stati il secondo e il terzo piano della struttura, nella parte interna dell'edificio, nel quale erano in corso dei lavori di ristrutturazione.
Nel crollo è rimasto coinvolto un operaio, incastrato tra le macerie: le sue condizioni non sono gravi.
Imbracato dalla squadra dei vigili del fuoco, è stato liberato dai detriti e trasportato all'ospedale Villa Sofia.

Per lunghi attimi si era temuto il peggio, poi i soccorritori hanno sentito le richieste d'aiuto di Salvatore Manfredi, 49 anni, ed è iniziata, davanti agli occhi di colleghi e familiari, frenetica, ma prudente per evitare ulteriori cedimenti, l'attività di scavo condotta a mani nude dai pompieri, seguendo anche le indicazioni del malcapitato. Un aiuto l'hanno dato i due operai rimasti contusi, riusciti a scappare attraverso una finestra.

Lo stabile di tre piani, in cattive condizioni e interessato da lavori di ristrutturazione, ha la facciata apparentemente integra, ma all'interno è pressochè sventrato.
Gli altri due colleghi, che erano impegnati con lui nei lavori di ristrutturazione, sono riusciti a mettersi in salvo attraverso una finestra. Al primo piano della palazzina, un vecchi edificio fatiscente, abita anche una famiglia che però era assente al momento del crollo.

Leggi tutto
Prossimo articolo