Napoli, sequestrate tre tonnellate di botti illegali

1' di lettura

I carabinieri di Melito scoprono una fabbrica di bombe carta e fuochi d'artificio illegali in tre box auto. La realizzazione avveniva senza nessuna misura di sicurezza e una scintilla avrebbe potuto provocare una strage

Guarda anche:
L'anno scorso San Silvestro tragico: un morto e tanti feriti

Tre tonnellate di 'botti'  illegali, veri e propri ordigni, sono stati scoperti dai carabinieri  in alcuni box auto a Melito di Napoli e sequestrati. I carabinieri  della compagnia Napoli-Stella, durante servizi predisposti contro la  fabbricazione e la commercializzazione dei fuochi d'artificio  illegali, hanno effettuato una perquisizione in alcuni box e hanno  scoperto nei locali una fabbrica di bombe carta.

Oltre a utensili e materiali per la fabbricazione dei "botti", i militari dell'Arma hanno rinvenuto e sequestrato una ingentissima  quantita' di prodotti finiti che ben presto sarebbero stati immessi in commercio: ben 13.000 micidiali "cipolle" del peso complessivo di  circa 2,2 tonnellate, oltre a 600 chilogrammi di micce e inneschi e  120 chilogrammi di componenti chimici per la fabbricazione di  esplosivo.

Da quanto emerso durante le verifiche dei militari, nella  fabbrica, 3 box auto nel centro di Melito, vi si operava senza le  particolari precauzioni per il maneggio e la detenzione di materiale  altamente pericoloso. Qualsiasi incidente avrebbe potuto provocare  fortissime esplosioni mettendo a rischio l'incolumita' pubblica nel  raggio di centinaia di metri. Per il sequestro in sicurezza sono stati fatti intervenire sul posto gli artificieri antisabotaggio del Comando Provinciale di Napoli.

Leggi tutto
Prossimo articolo