Mafia, Mancino sentito dai pm che indagano sulle stragi

1' di lettura

Il vicepresidente del Csm ha reso la sua testimonianza ai pm di Caltanissetta e Palermo nell'ambito delle nuove indagini sulla trattativa fra stato e malavita sicula e sulle stragi del 1992

Ai pm di Palermo e Caltanissetta, che lo hanno ascoltato in merito alle nuove indagini sulle stragi del '92 e del '93, il vicepresidente del Csm Nicola Mancino ha detto: "Non ho mai sentito parlare del papello né della trattativa tra stato e mafia". A voler incontrare i magistrati è stato lo stesso numero due del consiglio superiore della magistratura, che ha inoltre ribadito di non aver mai incontrato privatamente il giudice Paolo Borsellino e di non avere mai avuto notizia di contatti tra i carabinieri del ros e uomini di cosa nostra per trattare la resa. Quest'ultimo particolare è stato riportato da Massimo Ciancimino, figlio dell'ex sindaco di Palermo, aggiungendo che suo padre Vito, per trattare con la mafia, voleva appoggi istituzionali con esplicito riferimento a Nicola Mancino e Luciano Violante. Mentre questi ha confermato le parole di Massimo Ciancimino, sottolineando però che mai volle incontrare suo padre Vito, Mancino ha invece respinto tutto al mittente.

Leggi tutto
Prossimo articolo