Abusi, sequestrata villa sindaco di Olbia

Sardegna
96816c9bd574ee5aca748a0dae32c373

Nizzi, ex deputato Fi, indagato dalla Procura di Tempio

"Mi sono sempre mosso nel pieno rispetto della legalità e anche in questo caso non ho commesso nessun abuso". Così il sindaco di Olbia ed ex parlamentare di Fi, Settimo Nizzi, si difende dall'accusa di abuso edilizio e falso mossagli dalla Procura di Tempio Pausania per presunte irregolarità nella realizzazione della sua villa in località Terrata, nel comune di Golfo Aranci. "Sto vivendo un incubo - confessa all'ANSA - a causa di fatti rilevati con troppa leggerezza, ma ho piena fiducia nella giustizia e nel tribunale del Riesame".

I suoi avvocati, Sergio Deiana e Leonardo Salvemini, ha infatti già presentato ricorso per ottenere il dissequestro della villa. "È stato realizzato tutto in base alle licenze rilasciate dal Comune di Golfo Aranci - spiega ancora Nizzi - i lavori sono iniziati nell'ottobre del 2016 e non del 2017". Quanto all'accusa di aver trasformato la cantina, il sindaco ribatte: "è solo perché ci ho messo una cucina. Nulla - ribadisce - è stato fatto senza autorizzazione".

Cagliari: I più letti