Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Migranti, scena muta dipendenti pubblici

1' di lettura

Comparsi davanti a Gip per interrogatorio garanzia

Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere i due segretari della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale, dipendenti del ministero dell'Interno in capo alla Prefettura a Cagliari, arrestati nell'ambito dell'inchiesta della Squadra mobile e della Digos del capoluogo sardo su una presunta organizzazione criminale di bengalesi e italiani finalizzata all'immigrazione clandestina e alla permanenza in Italia di stranieri in condizione di illegalità. Tra fermi e misure cautelari sono state arrestate otto persone - tre sono latitanti - per associazione a delinquere.

Difesi dall'avvocato Pierluigi Concas, sia Francesco Alessi che Pier Paolo Farci, rispettivamente segretario e funzionario della segreteria della Commissione rifugiati della Prefettura, hanno fatto scena muta nell'interrogatorio di garanzia davanti alla Gip, Maria Cristina Ornano. Sono accusati di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e corruzione: per ora resteranno in carcere di Uta.

L'indagine, condotta dai pm Andrea Vacca e Alessandro Pili, ipotizza che i richiedenti provenienti dal Bangladesh e in attesa di un permesso di soggiorno da rifugiati pagassero dai 500 ai 6mila euro ad altri concittadini a capo dell'organizzazione: una parte del denaro sarebbe servito per 'oliare' i due segretari della Commissione territoriale che preparavano i calendari delle audizioni. Al vertice dell'associazione a delinquere ci sarebbe stato l'ex presidente della Comunità bengalese a Cagliari, Abu Salam: insieme ad altri complici avrebbe procacciato i 'clienti' promettendo loro facilitazioni per il rilascio del permesso di soggiorno. Fermato dalla polizia su ordine del pm Pili, Salam, difeso da Marco Fausto Piras, oggi è comparso davanti al Gip Lucia Perra per l'udienza di convalida. "Non stavo scappando - ha detto al giudice - avevo solo prenotato un viaggio di andata e ritorno con la famiglia". Tra i destinatari dei provvedimenti ci sono anche due interpreti bengalesi, Sasanka Kundu e Asad Molla che, per la Procura, avrebbero "aggiustato" le storie dei richiedenti per far ottenere loro l'asilo e lo status di rifugiato.
   

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"