Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Ragazzi Down baristi per un giorno

@ANSA
1' di lettura

In cinque a Cagliari si destreggiano tra cappuccini e brioche

di Manuel Scordo

Ottavio ha 45 anni, parla solo il "campidanese", non è quasi mai uscito dalla sua casa di Assemini. La madre, non vedente, fino a quando era in vita trascorreva i pomeriggi con lui seduta, tenendolo per mano. Alessandro di anni ne ha 35, è il più piccolo di 12 fratelli, vive nel quartiere San Michele di Cagliari, anche lui ha trascorso gran parte della propria vita in casa, senza fare grandi attività o avere relazioni sociali se non con i familiari. Come lui Mirko di Quartu o Jessica di Monserrato. Tutti hanno due cose in comune: sono affetti dalla sindrome di down e fanno parte della Polisportiva Olimpia Onlus, un'associazione che si occupa di persone con disabilità, cercando di offrire loro percorsi alternativi di vita non solo sportiva.

Proprio in quest'ottica, nella giornata mondiale della sindrome di down, l'associazione, in collaborazione con il bar Pancaffè di Cagliari, ha regalato a un gruppo di ragazzi una giornata di lavoro dietro il bancone. Così Jessica dalle 8,30 ha iniziato a servire i clienti consegnando il pane, Ottavio è diventato un cameriere provetto, portando ai tavoli caffè e brioche e poi ripulendoli; Roberto e Alessandro si sono occupati di preparare caffè, cappuccini e spremute, mentre Mirko, barman per un giorno, serviva i clienti più esigenti. Un'atmosfera di festa quella che si respirava nella sale del bar, una giornata tra lavoro e gioco vissuta con emozione dai ragazzi dell'associazione, dai dipendenti e dal titolare Riccardo Puddu, ma soprattutto dai clienti.

Nessuno è riuscito a trattenere la gioia nel vedere Alessandro preparare con velocità e precisione un caffè macchiato per poi poggiarlo sul bancone, esclamando, ad alta voce con aria soddisfatta: "prego questo è per lei". In pochi non hanno sorriso o stretto la mano a Ottavio mentre portava ai tavoli una bibita o un succo di frutta. Facce sorridenti e felicità contagiosa per chiunque in giornata è entrato nel bar. "Non avevamo mai lavorato prima - ha confessato Alessandro quasi arrabbiato nel aver dovuto lasciare la macchina del caffè per rispondere alle domande - sto consegnando le paste, preparando i cappuccini. È bellissimo, vorrei fare questo lavoro anche in futuro". Anche per Carlo era la prima volta: "Sono molto contento, ho solo fatto sport non ho mai lavorato".

Tutti emozionati e con una gran voglia di dimostrare di essere all'altezza del compito. Qualcuno di loro è arrivato addirittura a 'rimproverare' le vere bariste: "Lascia stare, questo lo faccio io", cercando di farsi spazio mentre si apprestavano a servire un cliente. L'esperienza è stata talmente positiva che già si pensa di replicarla. "I nostri clienti hanno apprezzato tantissimo la nostra idea - ha sottolineato il titolare del bar - ci hanno chiesto quando la organizzeremo nuovamente". "Abbiamo deciso di organizzare questa iniziativa facendo assumere i ragazzi con un contratto a termine dalle 8,30 alle 18,30, perché volevamo dare ai ragazzi una visione della vita diversa e anche una opportunità - ha detto il presidente dell'associazione Olimpia, Carlo Mascia - volevamo dimostrare come chi è affetto dalla sindrome di down può essere indipendente, può lavorare e vivere. Siamo pronti a replicare questa bella iniziativa".

Data ultima modifica 21 marzo 2019 ore 20:40

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"