Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Cantieri bloccati, protesta sindacati

@ANSA
1' di lettura

Sit-in a bivio Villagreca, "30 milioni e lavori fermi 10 anni"

di Stefano Ambu

Per i sindacati il bivio di Villagreca, sulla 131, è un pò il simbolo di quello che sta succedendo in Sardegna nel campo dell'edilizia. Trenta milioni di euro finanziati - sostengono Cgil, Cisl e UIl - e cantiere bloccato da dieci anni. Eppure è importante: dovrebbe eliminare un pericoloso incrocio a raso. Le tre sigle oggi erano lì a protestare. Ma quella di Nuraminis - denunciano - è solo una delle oltre cento opere in stallo individuate in Sardegna dai sindacati.

L'iniziativa si inserisce nel contesto delle mobilitazioni unitarie Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil organizzate, insieme alle assemblee e ai quattro presidi davanti alle Prefetture, in vista dello sciopero generale del settore costruzioni con la manifestazione venerdì a Roma. "Anche oggi con questo presidio chiediamo lo sblocco dei cantieri e di opere indispensabili a rilanciare lo sviluppo ma ferme da anni", ha detto la segretaria della Fillea Cgil Erika Collu sottolineando che "ci preoccupa la fragilità finanziaria dell'azienda aggiudicataria dell'appalto ma anche le lentezze burocratiche, in questo caso in capo all'Anas, che caratterizzano quasi tutti i cantieri in un'Isola dove la crisi dell'edilizia ha cancellato trentamila posti di lavoro e dove sbloccare le infrastrutture, in particolare le opere già finanziate, significa restituire una prospettiva al settore e dare una risposta alla richiesta di lavoro che interessa anche questo territorio". Sulla stessa linea anche la Uil.

"Le opere pubbliche incompiute sono un male cronico e radicato che deve cessare - ha detto il segretario provinciale Feneal di Cagliari Gianni Olla - con la crisi in atto da undici anni gli sprechi e le inefficienze si traducono in un aumento della disoccupazione non più sostenibile e accettabile, tanto meno nella nostra realtà isolana e cagliaritana, già fortemente penalizzata in termini di dotazioni infrastrutturali primarie. La scelta del presidio di oggi ha l'obiettivo di mettere in risalto la drammaticità della situazione: un'onta e una vergogna inaccettabili con responsabilità precise anche in capo alla committente Anas". Una battaglia che non finirà oggi.

"Il cantiere di Villagreca è stato scelto per il presidio perché è aperto ormai da più di dieci anni", ha detto il segretario regionale Filca Cisl Giovanni Matta sottolineando che "si tratta di un tempo lunghissimo per un'opera indispensabile che costituisce l'emblema dei ritardi accumulati nella realizzazione delle tante infrastrutture sarde necessarie e avviate alla progettazione più di 20 anni fa. La nostra mobilitazione ha l'obiettivo di richiamare con forza le contraddizioni che, dentro la più ampia rivendicazione nazionale, riguardano la Sardegna: un esercito di persone che chiede lavoro. Le richieste sono chiare, ora attendiamo le risposte".

Data ultima modifica 13 marzo 2019 ore 21:07

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"