Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Progetto Bat, voli più sicuri senza Gps

1' di lettura

Partnership Italia-Malta con Airbus e Dass e sede in Sardegna

di Roberto Murgia

Un sistema di rilevazione satellitare e navigazione aerea in grado di funzionare anche senza il segnale Gps: è il progetto Bat, nuova frontiera dei rilevatori satellitari per voli più sicuri che sta per essere avviato in Sardegna, dove oggi, nel business centre dell'aeroporto di Cagliari, è stato presentato da tutti i partner, presenti la ministra della Difesa Elisabetta Trenta, il premier di Malta Joseph Muscat, il governatore della Sardegna Francesco Pigliaru e il presidente del Dass Giacomo Cao. Al Bat partecipano infatti la società maltese Wes Trade con le italiane Gem Elettronica e Lion Consulting, il colosso europeo Airbus, di concerto con il Distretto Aerospaziale della Sardegna (Dass).

Un momento importante per saldare "la cooperazione del nostro Paese con Malta", ha esordito Trenta. "Questo - ha aggiunto - è un progetto concretamente rivolto al rilancio di investimenti produttivi e occupazionali, in un territorio con importanti poli industriali e una fitta rete di piccole e medie imprese". La Sardegna, "oggi punto di riferimento nazionale e internazionale nel campo dell'aerospazio - sottolinea la ministra - qui esistono professionalità importanti e condizioni ideali per ospitare istituti di ricerca, forti competenze nell'alta tecnologia e nel digitale".

E, se la ricerca andrà a buon fine, sarà proprio la Sardegna ad ospitare l'azienda produttrice, con tutto quello che significa in termini di ricadute economiche e nuovi posti di lavoro. Muscat, da parte sua, ha evidenziato le molteplici prospettive di cooperazione tra le due isole, auspicando che possano approfondirsi sempre di più, soprattutto in settori ad alta innovazione. Il presidente del Dass, Giacomo Cao, ha sottolineato "lo sforzo profuso dal Distretto sardo in poco più di cinque anni di vita, risultato decisivo sia per la crescita del settore aerospaziale in Sardegna sia per il contributo che le azioni poste in essere potranno dare al sistema Paese".

"Abbiamo dimostrato di avere risorse umane e competenze adeguate per affrontare una sfida di così alto livello - ha commentato l'assessore alla Programmazione Raffaele Paci - accettiamo la sfida con grande entusiasmo, e ne siamo profondamente orgogliosi". Il progetto si articola in sette fasi: progettazione del sistema integrato complesso; realizzazione meccanica del sistema integrato; programmazione del software di controllo; realizzazione di una infrastruttura di test presso l'aeroporto scelto; esecuzione delle prove e sperimentazione attraverso test; registrazione e analisi dei risultati; sintesi dei risultati e contributo all'innovazione ottenuto.

Data ultima modifica 31 gennaio 2019 ore 11:35

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"