Monta protesta in difesa ospedale Delogu

@ANSA
1' di lettura

Occupazione simbolica della stazione di Abbasanta

Settemila firme raccolte nel territorio a difesa dei presidi sanitari a partire da quello di Ghilarza "e quindi della salute dei cittadini". La protesta dei sindaci e comitato di cittadini si è spostata ad Oristano dove le 7mila sottoscrizioni sono state consegnate al prefetto Giuseppe Guetta. Poi l'occupazione simbolica all'ospedale San Martino con un breve sit in davanti all'ingresso della struttura.

Una protesta pacifica e ordinata che però potrebbe presto diventare più dura. "L'inquadramento dell'Ospedale Delogu di Ghilarza previsto dal documento regionale ci va sostanzialmente bene, ma i conti non tornano quando si parla di chiudere il Pronto Soccorso e di sostituirlo con un Centro di emergenza permanente, perché in questo momento il Cet è una scatola vuota, non sappiamo che servizi deve fare , che personale avrà e neanche se garantirà il servizio 24 ore su 24 come l'attuale Pronto Soccorso", fa sapere il comitato.

L'ex assessore provinciale e amministratore comunale di Ghilarza Serafino Corrias è pronto a dare battaglia. "Per adesso - ha spiegato - la nostra protesta si ferma qui in attesa che ci diano le risposte che aspettiamo. Se queste risposte non arriveranno torneremo alla carica con ancora maggiore determinazione". Questa mattina i manifestanti avevano occupato simbolicamente la stazione di Abbasanta e nei giorni scorsi i municipi del territorio

MONTA LA PROTESTA A GHILARZA - Gli impegni, le rassicurazioni e le promesse del direttore generale della Assl di Oristano Mariano Meloni non sono bastate a fermare la mobilitazione dell'alto oristanese contro il "ridimensionamento" dell'ospedale Delogu di Ghilarza. La protesta è ripresa stamattina con l'occupazione simbolica della Stazione ferroviaria di Abbasanta organizzata dal Comitato dei cittadini per la difesa della salute.

Davanti alla stazione si sono radunate un centinaio di persone, tra i quali molti sindaci e amministratori, che con slogan e con striscioni hanno manifestato la volontà di proseguire la battaglia contro quello che considerano uno "smantellamento di fatto" dell'Ospedale Delogu. In particolare puntano il dito contro "il declassamento del Pronto Soccorso, destinato a diventare un semplice centro di emergenza territoriale che sarà gestito dall'Areus e non dall'Azienda socio sanitaria di Oristano".

 

Data ultima modifica 12 ottobre 2018 ore 21:06

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"