Tumori, in Emilia-Romagna i tassi di sopravvivenza maggiori

Emilia Romagna
@ANSA
83e45ed6a4aebf1ad46533438df4ea4f

A cinque anni diagnosi è 62,4%, per cancro mammella è dell'89%

Calo dei nuovi casi di tumore in Italia e anche in Emilia-Romagna, dove si registrano diminuzioni dell'incidenza soprattutto negli uomini, dal 2006, per tutte le tipologie (-2,3% l'anno), in particolare per il tumore del colon (-8,8% l'anno) e della prostata (-3,6%). A livello nazionale l'Emilia-Romagna è inoltre la regione con i tassi di sopravvivenza più elevati, a cinque anni dalla diagnosi, sia per tutti i tumori (62,4%) che per le singole patologie, con un 89% del tumore alla mammella. È lo spaccato regionale che emerge dal rapporto 'I numeri del cancro in Italia' dell'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) e dell'Associazione italiana dei registri tumori (Airtum).

Con una stima di 29.500 nuove diagnosi nel 2019, di cui 15.000 uomini e 14.500 donne, l'Emilia-Romagna rispetto alle altre regioni italiane si colloca al tredicesimo posto per incidenza di tumori negli uomini, e al quarto posto per le donne (dopo Friuli, Lombardia e Veneto).

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24