Commercio:Unioncamere E-R, vendite -0,9%

Emilia Romagna
@ANSA
157f6277c43e9471b7354a0e51e46092

Nel secondo trimestre dell'anno, tiene l'alimentare

Frenano dello 0,9%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, le vendite registrate dai negozi dell'Emilia-Romagna nel secondo trimestre del 2019.
    Tuttavia, il saldo tra le quote delle imprese che rilevano un aumento o una diminuzione tendenziale delle vendite si alleggerisce e risale da -13,2 a -4,8 punti. E' quanto emerge dall'indagine congiunturale realizzata da Camere di commercio e Unioncamere Emilia-Romagna.
    La tendenza in rosso riguarda soprattutto il dettaglio specializzato non alimentare (-1,8%), mentre tiene meglio quello alimentare (-0,4%). In crescita, invece,le vendite di iper, super e grandi magazzini (+1,6%). Allo stesso modo, l'andamento negativo delle vendite è più contenuto per la piccola distribuzione, che accusa un calo dell'1,6% e più pesante per la media impresa (-2,3%), mentre la tendenza è lievemente positiva per le attività con 20 o più addetti (+0,3%). Al 30 giugno 2019 le imprese attive nel commercio al dettaglio erano 44.087 con un calo di 1.137 unità pari al 2,5%.
   

Bologna: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24