Benzina: protesta pescatori Molfetta, 'Governo intervenga'

Puglia
9e9125806bbfe36f9501cf9ccb48b1ba

'Proponiamo un fermo straordinario o credito di imposta'

ascolta articolo

(ANSA) - BARI, 08 MAR - Comparto della pesca in stato di agitazione anche a Molfetta, nel Barese, per il caro gasolio. La crisi internazionale ucraina ha prodotto effetti negativi anche per le marinerie, impossibilitate a uscire in mare per il prezzo del carburante che ha raggiunto i massimi storici. "Per la gravità della situazione in atto - dice Franco Minervini, direttore di Assopesca Molfetta e vicepresidente nazionale di Federpesca - chiediamo un intervento immediato del Governo.
    Servono misure immediate e indennizzi diretti. Oggi pomeriggio ci sarà una riunione al Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, alla quale parteciperemo in streaming.
    In queste ore a Roma si sta lavorando a un disegno di legge per arginare il problema. Proponiamo due soluzioni: o un fermo straordinario, come avvenuto nel periodo pandemico, oppure un'altra via percorribile potrebbe essere quella del credito di imposta".
    Il sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini, ha incontrato i pescatori per farsi portavoce del problema a livello regionale e governativo. "Mi impegno - ha detto il primo cittadino - a sollecitare immediatamente un intervento della Presidenza del Consiglio dei ministri perché, come per il comparto agricolo, la marineria non può essere lasciata sola. Occorrono aiuti e misure straordinarie e immediate, anche a livello regionale, per dare la possibilità ai nostri marittimi di tornare in mare perché con il prezzo del gasolio alle stelle non è possibile riprendere le attività di pesca, con tutte le sue conseguenze". (ANSA).
   

Bari: I più letti