Lavoro: a Bari 3 mila posti a rischio, sindacati in piazza

Puglia
0cf6f32042cea7e9fbdbdf4d27cc777b

Cgil, Cisl e Uil, '39 vertenze, ora governare transizione'

ascolta articolo

(ANSA) - BARI, 05 FEB - Nell'area metropolitana di Bari ci sono 50 mila disoccupati, 3 mila posti di lavoro a rischio in 39 vertenze già aperte, nonostante la Puglia registri un aumento del pil del 6,4%. "Qualcosa non torna, se all'aumento della produttività corrisponde un calo dell'occupazione, un aumento dei contratti precari, della cassa integrazione e del lavoro nero". In sindacati scendono in piazza, fornendo i numeri delle crisi del lavoro, per chiedere "alle istituzioni di governare la transizione mettendo al centro l'occupazione". In piazza Prefettura a Bari ci sono le segreterie provinciali e regionali di Cgil, Cisl e Uil e rappresentanze dei lavoratori delle aziende che hanno annunciato esuberi e tagli, con striscioni e bandiere. "I numeri che ogni giorno sentiamo sono persone: Bosch 700, Magneti Marelli 500, Baritech 150 - dice Franco Busto, segretario generale Uil Puglia - , non possiamo ridurre il lavoro a numeri e i lavoratori a merce di scambio. La politica deve intervenire in maniere pesante insieme ai sindacati". "Non abbiamo più voglia di subire i numeri drammatici sulla perdita dei posti di lavoro - ha detto Gigia Bucci, segretaria generale Cgil Bari - . Vogliamo lanciare un nuovo protagonismo su questo territorio e un patto sociale per il lavoro. Pensiamo che Bari abbia tutte le carte in regola per governare questo processo di transizione, cercando di fissare condizioni certe rispetto all'equità sociale e alla giusta distribuzione delle opportunità. Le transizioni invece oggi stano solo determinando esuberi, perdita di posti di lavoro". "Abbiamo bisogno di capire come verranno gestite le risorse del Pnrr - aggiunto Giuseppe Boccuzzi, segretario Cisl Bari - , affinché si incanalino verso investimenti duraturi, efficaci e strategici che possano dare più occupazione". (ANSA).
   

Bari: I più letti