Coronavirus: in V. d'Aosta perso 20% fatturato per stop sci

Valle D'Aosta
aosta

'Incognite per estate e molta preoccupazione per inverno'

La chiusura anticipata di circa un mese dei comprensori sciistici valdostani, causata dall'emergenza coronavirus, ha bruciato più del 20 per cento del fatturato che era previsto, per fine stagione, dalle società degli impianti di risalita. Il dato è stato fornito oggi dalla loro associazione (Avif) durante un'audizione nella seconda commissione 'Affari generali' del Consiglio regionale.

"Quella di quest'anno sarebbe stata una stagione d'oro per innevamento e condizioni meteorologiche - spiega il presidente Avif Ferruccio Fournier - la nostra previsione era di realizzare un fatturato complessivo di 100 milioni di euro, ma ci siamo fermati a 77 milioni". Oltre al danno, vi sono ora le incognite per il futuro: "Non sappiamo cosa aspettarci per l'estate, che tipo di clientela ci potrà essere - aggiunge Fournier - ma siamo molto preoccupati anche per il prossimo inverno: non siamo in grado di fare una programmazione promozionale perché non possiamo sapere che tipo di prodotto potremo vendere". 
   

Aosta: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24