Fase 2: Chambre stanzia 1,5 mln per accesso credito imprese

Valle D'Aosta
@ANSA
32bbc58fc94dd98fc9d8294d02be28e9

Rosset, misura senza precedenti

(ANSA) - AOSTA, 28 APR - La Chambre Valdôtaine ha stanziato 1,5 milioni di euro per favorire l'accesso al credito delle micro, piccole, medie imprese e dei professionisti attraverso i Confidi. In collaborazione con la Regione vengono messi a disposizione, tramite Valfidi e Confidi Valle d'Aosta, fondi da destinare a garanzia per operazioni di finanziamento delle imprese per investimenti produttivi e infrastrutturali, fabbisogno di capitale circolante, scorte e liquidità, riequilibrio finanziario per la rinegoziazione dei prestiti esistenti, estinzione di linee di credito a breve e medio termine e adozione di piani di rientro dell'indebitamento.
    "Si tratta per la Chambre di una misura senza precedenti per quanto concerne l'entità dei fondi messi in campo - spiega il presidente, Nicola Rosset - ma d'altronde anche l'emergenza che stiamo affrontando non ha precedenti ed è quindi necessario intervenire in maniera concreta ottimizzando, in sinergia con la Regione, le risorse a disposizione".
    Le garanzie rilasciate a favore del sistema bancario saranno ripartite per il 60% sul Fondo rischi della Regione e per il 10% sul Fondo rischi della Chambre, nel limite degli importi conferiti, mentre il 20% sarà a carico dei Confidi, per una garanzia complessiva per ciascuna operazione pari al 90% dell'importo finanziato.
    Le imprese e i professionisti potranno accedere a finanziamenti da 10 mila a 1,5 milioni di euro per ogni singolo beneficiario, della durata massima di 120 mesi, per investimenti produttivi ed infrastrutturali e riequilibrio finanziario e della durata di 60 mesi per fabbisogni di capitale circolante, scorte e liquidità.
    Saranno inoltre possibili fidi a breve termine da un importo minimo di 5 mila euro ed un massimo di 250 mila euro e comunque non oltre il 25% del fatturato, della durata massima di 18 mesi, e aventi una forma tecnica funzionale all'operatività produttiva e commerciale dell'impresa.
    "In questa fase è fondamentale mettere le imprese ed i professionisti che prima dell'emergenza avevano una situazione normale nella condizione di non andare in difficoltà - aggiunge Rosset - perché dovranno essere proprio queste realtà a fare da traino per la ripresa e a garantire lavoro e sicurezza sociale.
    Per questa ragione abbiamo cercato di non disperdere gli interventi in tanti piccoli rivoli, ma di lavorare insieme all'Amministrazione regionale per dare vita, in questa prima fase, ad un unico intervento che fosse realmente strutturato ed utile e che permetterà di mettere in circolo fondi per circa 25 milioni di euro".
    Secondo il presidente della Chambre "sarà poi necessario concentrarsi anche su quelle realtà che erano già in difficoltà prima della pandemia per supportarle, quando possibile, in una fase di rilancio all'interno del sistema economico. E' questo un aspetto importante proprio per le conseguenze anche sociali derivanti dal fatto che il nostro tessuto imprenditoriale è composto da piccole e piccolissime aziende, spesso a gestione familiare, il cui destino è direttamente legato a quello dell'imprenditore e della sua famiglia, oltre che per il fatto che in un mercato così ristretto come il nostro quando un azienda muore è molto difficile sostituirla". (ANSA).
   

Aosta: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24