Frode lavori Parco Gran Paradiso, procura chiede 10 condanne

Valle D'Aosta
@ANSA
fca4c47191efcc3c4614f2ff6140bd6f

Da funzionario Regione a imprenditori

La procura di Aosta ha chiesto al gup la condanna di tutti i dieci imputati nel processo con rito abbreviato sulla presunta frode nei lavori di sistemazione di itinerari del Parco del Gran Paradiso, costati alla Regione 1,3 milioni di euro nell'ambito del progetto Giroparchi, finanziato con il Par Fas 2007-2013.

Le richieste del pm Carlo Introvigne sono: due anni di reclusione per Alessandro Ceccon (49) di Aosta, funzionario dell'ufficio tecnico progettazione sentieristica e cartografia dell'assessorato all'Ambiente; un anno due mesi e dieci giorni di reclusione e 2.400 euro di multa per Ennio Da Canal (60) di Quart, legale rappresentante della 'Ecoval srl' e dieci mesi per il suo direttore lavori Mauro Andrea Perino (47), di Bollengo (Torino); un anno e due mesi di reclusione per Duillio Gal (53), di Chatillon, un anno un mese e 20 giorni per Aldo Neyroz (61), di Sarre, dieci mesi di reclusione e 1.600 euro di multa per Manuel Lavoyer (40), di Pontey, tutti considerati direttori dei lavori dall'accusa.

Il pm ha poi chiesto nove mesi e venti giorni di reclusione e 800 euro di multa ciascuno per i legali rappresentanti di impresa Mario Nera, di 60 anni, delle '3A spa' e '3A srl', ed Egidio Pelini (45), della 'Ecn34', entrambi di Roma, per Simona Maccarone (36) di San Gregorio di Catania (Catania), e Domenico Cavallaro (46), di Catania, della 'Ingegneria e ambiente srl'. Per tutti gli imputati la procura ha chiesto inoltre l'interdizione temporanea dai pubblici uffici e la pubblicazione della eventuale sentenza di condanna (per diversi di loro anche l'incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione). Sono decine i rilievi mossi dagli inquirenti tra i quali: mancata installazioni di funi, soste e cartelli, staccionate posizionate vicino al parcheggio per evitare il "trasporto in elicottero", ma anche pozzetti previsti in cemento armato e realizzati "in pietrame a secco, di dubbia qualità e robustezza". L'udienza è stata aggiornata dal gup Giuseppe Colazingari al 16 aprile per il prosieguo delle arringhe difensive.

Aosta: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24