Univda: Monaci, sia veloce fine lavori

Valle D'Aosta
c7578250048efbcc9349c75f23987b28

Rettrice, 'anche per poter espandere offerta formativa'

"Auspichiamo una veloce conclusione dei lavori nella nuova sede, per poter disporre di un campus universitario vitale e vivace nel cuore della città". Lo ha detto la rettrice dell'Università della Valle d'Aosta, Maria Grazia Monaci, durante la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2019-2020 nella sala conferenze di una albergo del capoluogo, ricordando che gli atenei promuovono anche "riqualificazione e valorizzazione delle aree circostanti". "Una conclusione - ha aggiunto Monaci - che permetta all'Ateneo non solo di poter accedere al nuovo e innovativo stabile del primo lotto ma anche di acquisire in tempi rapidi ulteriori spazi in quelle prossimità, in modo da garantire una ricomposizione dell'università (aule, segreterie studenti, uffici del personale e dei docenti, biblioteca, laboratori e sale riunioni, ecc.) e poter programmare anche l'espansione della propria offerta formativa".

Fosson, territorio in futuro offerta Univda - Il territorio come "principale filo conduttore dello sviluppo dell'offerta formativa dell'ateneo" è al centro di un documento di sintesi presentato al Consiglio dell'Università della Valle d'Aosta mercoledì scorso. Lo ha annunciato il presidente della Regione, Antonio Fosson, durante l'inaugurazione dell'anno accademico 2019-2020. Sono tre, in particolare, le linee di sviluppo: la crescita dell'offerta formativa a favore del territorio, delle tematiche in cui il territorio gode di un vantaggio competitivo e di quelle in cui ci sono specializzazioni particolari. "Nel prossimo anno - ha annunciato Fosson - continueremo a rinforzare ed innovare l'attuale offerta informativa che già ci contraddistingue a livelli di eccellenza".

"Il nostro piccolo ateneo - ha detto Fosson, che è anche presidente del Consiglio dell'Università - si pone 'sul mercato' della formazione come una realtà fortemente competitiva, come dimostrano le statistiche: ricordiamo che il 96 per cento dei nostri laureati si è dichiarato soddisfatto del suo percorso di studi l'80,3 per cento rifarebbe la stessa scelta universitaria". Nonostante "i finanziamenti statali all'ateneo - ha ricordato - siano progressivamente diminuiti negli ultimi anni, il governo regionale continua a fornire il proprio sostegno". Per il 2020 il trasferimento complessivo della Regione ammonta a 7 milioni 250 mila euro, quello statale stimato in previsione a 635 mila.

   

Aosta: i più letti