Coronavirus, sisma nel sisma nel cratere

Marche
f2a70010e9f4323f7b663da27e4be301

Aree ancora ferite, da 4 anni attesa ricostruzione

(ANSA) - PERUGIA, 10 MAR - Un terremoto nel terremoto.
    L'Italia "zona rossa" per il coronavirus si abbatte come una mannaia sulle speranze di ripresa delle popolazioni terremotate dell'Umbria, delle Marche, del Lazio e dell'Abruzzo, che da quasi 4 anni attendono l'avvio della ricostruzione. Il viaggio tra la disperazione e la sfiducia di persone e amministratori corre sulla dorsale appenninica, da Camerino a Norcia, passando per Cascia, Visso, Castelsantangelo sul Nera e Ussita. Sindaci e imprenditori sanno di dover far fronte a un'emergenza forse ancora più grave di quella vissuta con gli eventi sismici del 2016. La gente è disorientata, davanti vede solo il buio e c'è chi pensa di andarsene altrove. Intanto città e paesini sono deserti, l'invito a restare a casa sembra essere rispettato, di turisti ovviamente nemmeno l'ombra.
   

Ancona: I più letti