Rete Regione contro mutilazioni genitali

1' di lettura

Carletti, mix competenze per contrasto fenomeno fisico-culturale

Praticate in 30 paesi del mondo su oltre 200 milioni di donne, tra Asia, Africa e Medio Oriente, le mutilazioni genitali femminili sono un fenomeno diffuso anche tra le comunità d'immigrati presenti in Italia e nelle Marche che spesso rimane sommerso. A 12 anni dalla legge n. 7 del 2006 sulla prevenzione e il divieto di queste pratiche, l'Osservatorio sulle diseguaglianze nella salute della Regione Marche/Agenzia regionale sanitaria, ha fatto il punto sulla questione in un seminario ad Ancona. "Il fenomeno - ha detto Patrizia Carletti dell'Ars - può essere contrastato solo con un approccio che metta insieme diverse competenze: assistente sociale, psicologo, ginecologo, ostetrica, medico di famiglia e mediatore culturale. Coinvolge non solo l'ambito fisico ma anche etnico e culturale. La Regione ha messo in campo una Rete per prendere in carico le donne che hanno subito le mutilazioni e seguirle dal punto di vista medico e per prevenire le stesse pratiche sui figli".
   

Data ultima modifica 09 novembre 2018 ore 21:36

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"