Marche, progetto Cur e numero emergenza

Marche
@ANSA
a7c9611d3c2144c5c5db0f1534909fa4

Ceriscioli, servizio garantisce sicurezza a 2,4 mln persone

La Giunta regionale ha approvato il progetto definitivo per l'attuazione del numero unico di emergenza europeo (Nue) '1-1-2' e la realizzazione della Centrale unica di risposta (Cur) per le Marche e l'Umbria. La delibera individua anche le attività preliminari che gli enti sanitari regionali dovranno curare entro il 30 giugno 2019, ripartendo i compiti tra il servizio Sanità, l'Agenzia regionale sanitaria (Ars), l'Asur e il servizio Personale della Regione. È prevista l'assunzione di 47 persone, tra cui un responsabile operativo, sei operatori tecnici, 38 centralinisti (che assumeranno la qualifica di incaricato di pubblico servizio) e due amministrativi. Saranno affiancate da altri due vice responsabili operativi scelti tra il personale dell'Ars. Saranno circa 2,4 milioni i marchigiani e gli umbri che usufruiranno del servizio, osserva il presidente della Giunta Luca Ceriscioli. La sede che ospiterà il Cur è l'Interporto di Jesi (Ancona).
   

Ancona: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.