Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

#FridaysForFuture, il mondo scende in piazza: i ragazzi protestano per il clima

Oggi niente scuola o università per gli studenti di tutto il mondo, che chiedono impegni concreti per preservare il pianeta nell'ambito dell'iniziativa lanciata dalla sedicenne svedese Greta Thunberg

Leggi tutto
1 nuovo post

I presidi: "Tema giusto ma sbagliato saltare la scuola"
 

"La tematica eco-climatica è molto importante e scuola e politica dovrebbero dedicarle maggiore attenzione. Si tratta di un complesso argomento interdisciplinare (scienza, fisica, chimica, diritto ecc.) che potrebbe e dovrebbe trovare adeguato spazio nell'offerta formativa delle scuole, per mettere i nostri ragazzi in grado di affrontarlo seriamente e approfonditamente": e' quanto dichiara il Presidente dell'Anp, l'Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli. "Comprendo appieno l'entusiasmo e l'idealismo adolescenziale - prosegue Giannelli - ma non credo che saltare un giorno di scuola possa davvero aiutare i nostri ragazzi a diventare piu' consapevoli sulla questione. Concordo con il Ministro Bussetti sul fatto che oggi è una normale giornata di scuola. Ritengo semplicistico pensare che i tanti problemi del mondo si possano risolvere non frequentando le lezioni", conclude il Presidente dell'Anp.
- di Redazione Sky TG24

Universitari, piazze piene in 200 città
 

"Succede in tutta Italia: in oltre 200 città giovani, studenti, cittadine e cittadini hanno riempito le piazze e le strade per manifestare pacificamente contro il cambiamento climatico e richiedendo un impegno serio e concreto da parte della politica per salvare il pianeta.  I giovani che oggi sono in piazza insieme alla Rete degli Studenti Medi e all'Unione degli Universitari in adesione a Fridays For Future per chiedere un futuro e un pianeta sano per viverlo sono centinaia di migliaia, forse un milione in tutta Italia. Una mobilitazione del genere lancia un segnale inequivocabile: siamo una generazione che chiede a gran voce di essere educata all'unico cambiamento possibile, un modello di sviluppo diverso". A dirlo è Giammarco Manfreda, Coordinatore Nazionale della Rete degli studenti Medi. "La lotta al cambiamento climatico non e' un tema secondario, e oggi gli studenti lo hanno dimostrato. Cosa risponde il Governo? Vogliamo impegni chiari, e li vogliamo subito!", aggiunge Enrico Gulluni, Coordinatore Nazionale dell'Unione degli Universitari. "Una segnale forte anche rispetto al Ministro Bussetti, che ieri invitava i ragazzi ad andare a scuola: gli studenti hanno risposto che non esiste un pianeta B!", concludono Gulluni e Manfreda.
 
- di Redazione Sky TG24

Gli aggiornamenti dalla manifestazione di Stoccolma

 


 

- di Redazione Sky TG24

Greta: "Agiamo ora o sarà troppo tardi"

 


 

- di Redazione Sky TG24

Le voci degli studenti di Palermo

 


 

- di Redazione Sky TG24

Greta: "Sono la miccia di un movimento che era già lì”

 

"Non sono io l'inizio di questo movimento. Era già lì, e serviva solo una miccia per farlo accendere". Così Greta Thunberg, anche questo venerdì di fronte al parlamento di Stoccolma circondata da una trentina di manifestanti, ha salutato le migliaia di studenti che oggi, accogliendo il suo appello, sono scesi nelle strade di tutto il mondo per chiedere azioni contro il cambiamento climatico. Sidney, Bangkok, Hong Kong, Kampala, Roma; e, ancora, Dacca, Lagos, Londra, Parigi, e altre città di almeno 112 paesi, con Italia, Francia e Germania a guidare la lista dei raduni: "Viviamo una crisi da decenni, ed è stata ignorata. Se non agiamo ora - ha aggiunto la sedicenne svedese- poi sarà troppo tardi".
- di Daniele Troilo
  
- di Daniele Troilo

5mila studenti a Venezia, flash mob a Rialto

 
 
Anche Venezia è stata invasa dagli studenti in marcia per il "climate strike". Circa 5mila ragazzi delle scuole superiori hanno risposto allo sciopero mondiale per il clima e con striscioni, palloncini e cartelli colorati, pieni di slogan contro il riscaldamento climatico, hanno attraversato il centro storico della città lagunare, partendo dal piazzale della stazione e arrivando infine a Campo San Polo, uno dei più grandi di Venezia. Sul Ponte di Rialto i manifestanti hanno dato vita ad un breve flash mob, sdraiandosi a terra mentre il suono di sirena faceva doveva far immaginare l'allarme di un incidente nucleare.
- di Daniele Troilo

Le immagini della manifestazione a Palermo

 

 
- di Daniele Troilo

Ecco cosa sta succedendo a Stoccolma

 


 
- di Daniele Troilo

Gli studenti in piazza a Milano

 


  
- di Daniele Troilo
- di Daniele Troilo
- di Daniele Troilo
- di Daniele Troilo
- di Daniele Troilo
- di Daniele Troilo
- di Daniele Troilo