I residui di plastica in mare fanno ammalare i coralli

Secondo alcune proiezioni, entro il 2025, i residui di plastica in mare arriveranno a sfiorare quota 16 miliardi (Getty Images)
3' di lettura

Uno studio internazionale, guidato dalla Cornell University e pubblicato su Science, rivela come queste particelle trasportino batteri e microrganismi dannosi per gli organismi che popolano le barriere coralline. LO SPECIALE SKY - UN MARE DA SALVARE

Le particelle di plastica che inquinano i nostri mari, oltre ad essere causa di morte per molti pesci che le ingeriscono, sono anche portatrici di malattie per i coralli. Secondo uno studio internazionale guidato dalla Cornell University e pubblicato su Science, infatti, queste molecole sono in grado di trasportare batteri e microrganismi che provocherebbero infezioni agli organismi che popolano le barriere coralline. (LO SPECIALE SKY TG 24)

I coralli rischiano di ammalarsi fino a 20 volte di più

Per giungere a queste conclusioni, il gruppo di ricerca ha preso in esame, tra il 2011 e il 2014, circa 124mila coralli di oltre 150 scogliere in Indonesia, Australia, Myanmar e Thailandia. I campioni raccolti hanno rivelato che su un terzo delle barriere analizzate erano presenti residui di plastica. Le concentrazioni maggiori, spiegano i ricercatori, sono state registrate in Indonesia con 25,6 particelle ogni cento metri quadrati. Già in passato, alcune ricerche hanno dimostrato come questa presenza invasiva possa causare stress al corallo, privandolo di luce e ossigeno. Condizioni che rendono questi organismi più vulnerabili e sensibili all’attacco degli agenti patogeni. Gli studiosi della Cornell University, a queste scoperte, hanno aggiunto un’ulteriore peculiarità dannosa: le particelle di plastica, infatti, vengono descritte come dei "camper" del mare, in grado di trasportare batteri e microrganismi. Nello specifico, i ricercatori hanno evidenziato che la presenza di plastica è associata a un aumento anche di 20 volte del rischio di malattie, legate in particolare a patologie di erosione dello scheletro dei coralli. 

Aumento del 40% in 7 anni

Nella ricerca si evidenzia come il problema della plastica in mare sia sempre più pressante, anche in rapporto a previsioni tutt’altro che rosee. Attualmente, infatti, soltanto nelle acque delle barriere coralline dell'Asia-Pacifico, fluttuano più di 11 miliardi di particelle di plastica. Secondo alcune proiezioni, entro il 2025 i residui arriveranno a sfiorare quota 16 miliardi, con un incremento vicino al 40% in 7 anni.

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"