Touring Club: premiati 227 borghi italiani con la bandiera arancione

Il borgo di Oriolo in provincia di Cosenza (Fotogramma)
3' di lettura

Tra i requisiti necessari per entrare nella lista delle eccellenze turistiche ci sono la qualità dell'offerta e dell'accoglienza. Il maggior numero di riconoscimenti in Toscana

Il Touring Club Italiano ha premiato 227 borghi con la Bandiera Arancione, riconoscimento assegnato dal 1998 ai comuni dell'entroterra con meno di 15mila abitanti che si sono distinti per un'offerta turistica di eccellenza. La cerimonia ufficiale è avvenuta a Palazzo Ducale a Genova alla presenza di 150 sindaci provenienti da tutta Italia.

I requisiti delle bandiere arancioni

Nella Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale a Genova sono stati annunciati i 227 borghi italiani che riceveranno la certificazione della Bandiera Arancione per il triennio 2018-2020. Tra i requisiti necessari per entrare nella lista delle eccellenze turistiche premiate a partire dal 1998 dal Touring Club Italiano ci sono la qualità dell'offerta e dell'accoglienza da parte di comuni con meno di 15mila abitanti che, pur lontani dai principali crocevia turistici, sono riusciti a distinguersi. L'obiettivo sarebbe quello di promuovere località che valorizzano la bellezza paesaggistica, il valore architettonico-culturale e attenzione verso l'ambiente.

Tra riconferme e new entry

Al di là delle riconferme, sono state 19 le località italiane riconosciute per la prima volta Bandiera Arancione: Gressoney Saint Jean per la Valle d'Aosta, Agliè, Chiusa di Pesio, Gavi e Ozzano Monferrato per il Piemonte, Almenno San Bartolomeo, Bellano e Pizzighettone per la Lombardia, Maniago e San Vito al Tagliamento per il Friuli Venezia Giulia, Santa Fiora per la Toscana, Frontino e Serra San Quirico per le Marche, Fara San Martino, Lama dei Peligni e Opi per l'Abruzzo, Aliano per la Basilicata, Oriolo e Taverna per la Calabria. La Toscana è la Regione più 'arancione' d'Italia con 38 riconoscimenti, seguita dal Piemonte (28) e dalle Marche (21). Per l'edizione di quest'anno sono arrivate 2838 candidature, di cui l'8% ha ottenuto il riconoscimento (227 comuni), mentre quattro bandiere sono state ritirate.

Effetti positivi su turismo e territorio

Secondo il Touring Club l'iniziativa, che nel 2018 compie 20 anni, avrebbe effetti positivi sul territorio per quanto riguarda turismo e impatto ambientale. Il 79% dei comuni bandiera arancione, infatti, ha aperto nuove strutture ristorative, come Cisternino in provincia di Brindisi che, negli ultimi 5 anni, ha aperto 10 nuovi ristoranti. L'81% ha aperto nuovi esercizi commerciali, più dell'80% ha incrementato la consistenza ricettiva come Civita in provincia di Cosenza che, su 900 abitanti, ora conta 16 bed & breakfast. I Comuni, sempre secondo i dati forniti dal Touring Club, avrebbero aumentato la loro attrattività aumentando in media del 45% sul fronte arrivi e del 38% sul fronte presenze.

Leggi tutto
Prossimo articolo