Uber, attraverso la sua app, sarebbe in grado di aggirare i controlli nelle città dove il servizio è vietato o sottoposto a restrizioni.

Lo riporta il New York Times, che cita anche l'Italia tra i Paesi dove la società californiana ricorre a un sofisticato stratagemma per evitare che i suoi autisti vengano pizzicati dalle autorità.

 

La difesa di Uber non si è fatta attendere: "Il programma si limita solo a negare le richieste di corse da parte di utenti che violano le nostre condizioni sull'uso del servizio".

 

Il sistema, secondo il NYT, sarebbe operativo dal 2014 e viene tuttora utilizzato. Non solo nel nostro Paese, ma anche a Parigi, Boston, Las Vegas. E in Australia, Corea del Sud, Cina.

A rivelarlo al quotidiano statunitense alcuni dipendenti del servizio low-cost di auto con conducente, che hanno spifferato il segreto mantenendo l'anonimato per paura di ritorsioni ma consegnando documenti che attestano la veridicità del loro racconto.

 

Il programma per ingannare poliziotti, investigatori e funzionari pubblici si basa su un programma chiamato 'Greyball', che usa informazioni e dati raccolti attraverso l’app per individuare le persone da cui parte la 'chiamata' e bloccare la corsa se nasce il sospetto che dietro ci sia una trappola.

 

La prima volta che si è scoperto il trucco risale a due anni fa nel corso di alcune indagini a Portland, in Oregon, città in cui Uber operava senza i regolari permessi e, in seguito, è stata dichiarata illegale. E' qui che si è capito che gli investigatori sguinzagliati dalle autorità cittadine venivano individuati e 'taggati' nel momento in cui attivavano l’app, permettendo agli autisti che operavano illegalmente di farla liscia.

La rivelazione del Nyt, nel momento in cui il caso Uber sta scatenando ferocissime polemiche nel nostro e in altri Paesi, rischia così di alimentare le tensioni.

C’è il rischio di conseguenze legali per la società di San Francisco presente in 70 Paesi e con un valore di mercato attorno ai 70 miliardi di dollari. E con un probabile futuro in Borsa, con l'ipotesi di uno sbarco a Wall Street più volte evocata.