Amazon continua la sua ricerca di soluzioni innovative per la consegna degli ordini. Questa volta, il gigante dell'e-commerce, ha messo a punto (e brevettato) un sistema di recapito dei pacchi col paracadute. L'idea prevede l'utilizzo di droni ad alta tecnologia a cui aggangiare le merci, che assicurate a un paracadute arriveranno direttamente al cliente evitando il traffico urbano.



Il drone non basta - Il colosso del commercio elettronico, nel brevetto presentato all'U.S. Patent and Trademark Office, evidenzia che il velivolo resterebbe comunque a vigilare sull'atterraggio dei pacchi. Se, ad esempio, il vento spingesse la merce fuori rotta, rischiando di farla finire su un balcone o contro un albero, dal drone partirebbe un messaggio radio in grado di modificare la traiettoria del paracadute utilizzando aria compressa.  



Le nuove soluzioni di Amazon - Il recapito dei pacchi ordinati in tempi sempre più rapidi, spinge la società di Jeff Bezos a sperimentare sempre nuove strade. Il 14 dicembre del 2016, per esempio, Amazon aveva annunciato la prima consegna attraverso un drone. In questo scenario in costante evoluzione un dubbio rimane però irrisolto: come recuperare il paracadute dopo la consegna? Nel documento dell'uffico brevetti non ci sono risposte al riguardo. Neppure è chiaro se questo sistema può rappresentare un'alternativa per consegne in destinazioni impervie o con condizioni meteo particolarmente difficili.