Oroscopo di Oggi
Oroscopo di oggi
Cambia segno
chiudi X
Oroscopo della settimana
Cambia località
Mattina
pomeriggio
sera
notte
chiudi X
Prossimi giorni
  1. Altro

Edward Hopper, a Bologna i capolavori dell’artista statunitense

Fino al 24 Luglio 2015 Palazzo Fava ospita 58 opere provenienti dal Whitney Museum di New York. Al centro della mostra non solo gli iconici dipinti sull’alienazione urbana, ma il suo intero percorso artistico, dalla formazione a Parigi fino al periodo “classico” degli anni 40-50. FOTO  

Edward Hopper, Bologna  - Foto N.1

La mostra a Bologna dà conto dell’intero arco temporale della produzione di Edward Hopper, dagli acquerelli parigini ai paesaggi e scorci cittadini degli anni ‘50 e ‘60 (Credit: Edward Hopper (1882 1967), Second Story Sunlight. Oil on canvas, 102,1x127,3 cm. Whitney Museum of American Art, New York; purchase, with funds from the Friends of the Whitney Museum of American Art © Whitney Museum of American Art, N.Y.) -

  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.1
    La mostra a Bologna dà conto dell’intero arco temporale della produzione di Edward Hopper, dagli acquerelli parigini ai paesaggi e scorci cittadini degli anni ‘50 e ‘60 (Credit: Edward Hopper (1882 1967), Second Story Sunlight. Oil on canvas, 102,1x127,3 cm. Whitney Museum of American Art, New York; purchase, with funds from the Friends of the Whitney Museum of American Art © Whitney Museum of American Art, N.Y.) -
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.2
    Dal 1968, grazie al lascito della vedova Josephine, il Witney Museum di New York ospita tutta l’eredità dell’artista: oltre 3.000 opere tra dipinti, disegni e incisioni (Credit: Edward Hopper (1882 1967), Self Portrait, 1903 1906. Whitney Museum of American Art, New York; Josephine N. Hopper Bequest © Heirs of Josephine N. Hopper, Licensed by Whitney Museum of American Art) - Andy Warhol sbarca agli Uffizi negli scatti di Aurelio Amendola. FOTO
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.3
    Prestito eccezionale è il grande quadro intitolato Soir Bleu (ha una lunghezza di circa due metri), simbolo della solitudine e dell’alienazione umana, opera realizzata da Hopper nel 1914 a Parigi (Credit: Edward Hopper (1882 1967), Soir Bleu, 1914. Oil on canvas, 91,8x182,7 cm. Whitney Museum of American Art, New York;Josephine N. Hopper Bequest 70.1208 © Heirs of Josephine N. Hopper, licensed by Whitney Museum, N.Y. Digital Image © Whitney Museum, N.Y.) - Botticelli re-immaginato, dai Preraffaelliti a David LaChapelle. FOTO
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.4
    Tra gli interpreti più innovativi della tradizione realista, Edward Hopper è considerato il cantore dell’America rurale contrapposta a quella delle grandi metropoli con la loro umanità alienata (Credit: Edward Hopper (1882 1967), American Village, 1912. Oil on canvas, 66x96,8 cm34. Whitney Museum of American Art, New York; Josephine N. Hopper Bequest © Heirs of Josephine N. Hopper, Licensed by Whitney Museum of American Art) - Da Hugo Pratt a Zerocalcare, il fumetto italiano in mostra a Roma
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.5
    Hopper è l’artista che ha saputo rappresentare sulla tela la solitudine esistenziale insita nella natura stessa dell’essere umano (Credit: Edward Hopper (1882 1967), South Carolina Morning, 1955. Oil on canvas, 77,2x102,2 cm. Whitney Museum of American Art, New York; given in memory of Otto L. Spaeth by his Family © Whitney Museum of American Art, N.Y.) - Atlas Italiae, scatti dal Paese che sta scomparendo
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.6
    I soggetti più frequenti dei suoi quadri sono le pompe di benzina abbandonate, le donne semisvestite in stanze da letto vuote, gli uomini seduti al bancone di un bar (Credit: Edward Hopper (1882 1967), Light at Two Lights, 1927. Watercolor and graphite pencil on paper, Sheet:. 18 35,4x50,8 cm. Whitney Museum of American Art, New York; Josephine N. Hopper Bequest © Heirs of Josephine N. Hopper, Licensed by Whitney Museum of American Art) - I Nirvana e gli altri grandi del rock ritratti da Renaud Monfourny
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.7
    La mostra è suddivisa in 6 sezioni. È seguito un ordine tematico e cronologico che permette all’esposizione di ripercorre la produzione di Hopper, dalla formazione accademica agli anni in cui studiava a Parigi, fino al periodo “classico” - e più noto - degli anni ‘30, ‘40 e ‘50, per arrivare alle iconiche immagini degli ultimi anni (Credit: Edward Hopper (1882 1967), Le Pont des Arts, 1907. Oil on canvas, 60,2x73,2 cm. Whitney Museum of American Art, New York; Josephine N. Hopper Bequest © Heirs of Josephine N. Hopper, Licensed by Whitney Museum of American Art) - Fashion, moda e stile, le foto del National Geographic in mostra
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.8
    Il percorso prende in esame tutte le tecniche predilette dall’artista: l’olio, l’acquerello e l’incisione (Credit: Edward Hopper (1882 1967), Le Bistro or The Wine Shop. Oil on canvas, 61x 73,3 cm78. Whitney Museum of American Art, New York; Josephine N. Hopper Bequest © Heirs of Josephine N. Hopper, Licensed by Whitney Museum of American Art) - Da Amburgo a Palermo, in mostra la fotografia di strada
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.9
    Hopper è stato per lungo tempo associato a suggestive immagini di edifici urbani (Credit: Edward Hopper (1882 1967), Small Town Station, 1918-20. Oil on canvas, 66,7x97,3 cm. Whitney Museum of American Art, New York; Josephine N. Hopper Bequest © Heirs of Josephine N. Hopper, Licensed by Whitney Museum of American Art) - Dai primi ritratti ai selfie, quando la fotografia è spettacolo
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.10
    Tra i suoi soggetti favoriti vi sono scorci di vita nei tranquilli appartamenti della middle class, spesso intravisti dietro le finestre durante i suoi viaggi, immagini di tavole calde, sale di cinema, divenute delle vere e proprie icone, come testimoniano alcuni celebri capolavori in mostra (Credit: Edward Hopper (1882 1967), Apartment Houses, East River, c. 1930, Oil on canvas, 89,1x152,7 cm9. Whitney Museum of American Art, New York; Josephine N. Hopper Bequest © Heirs of Josephine N. Hopper, Licensed by Whitney Museum of American Art) - Salisbury, in mostra le sculture che raccontano le relazioni umane
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.11
    Persona schiva nella vita privata, Edward Hopper diventa a un certo punto pittore popolare, riconosciuto e amatissimo poiché in lui si leggono i tratti e gli stereotipi del mito americano, ieri come oggi (Credit: Edward Hopper (1882 1967), Summer Interior, 1909. Oil on canvas, 61,6x74,1 cm Whitney Museum of American Art, New York; Josephine N. Hopper Bequest © Heirs of Josephine N. Hopper, Licensed by Whitney Museum of American Art) - Le super-donne di Bettina Rheims in mostra a Parigi. FOTO
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.12
    Grazie alla collaborazione con le istituzioni culturali cittadine, durante il periodo di mostra, saranno proposte una serie di attività correlate per omaggiare l'opera e la poetica dell'autore (Credit: Edward Hopper (1882 1967), Cape Cod Sunset, 1934. Oil on canvas, 74x 92,1 cm11. Whitney Museum of American Art, New York; Josephine N. Hopper Bequest © Heirs of Josephine N. Hopper, Licensed by Whitney Museum of American Art) - Pickers From the World, a Milano va in mostra la fotografia mobile
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.13
    Dal 7 aprile al 26 giugno 2016 l'Istituzione Bologna Musei | Museo Morandi presenterà un focus di paesaggi morandiani che dialogheranno a distanza con i lavori dell'artista americano (Credit: Edward Hopper (1882 1967), Le Quai des Grands Augustins, 1909. Oil on canvas, 60,2x73 cm. Whitney Museum of American Art, New York; Josephine N. Hopper Bequest © Heirs of Josephine N. Hopper, Licensed by Whitney Museum of American Art) - Milano: Tempo, Rinascita e Fine in mostra con Goshka Macuga. FOTO
  • Edward Hopper, Bologna  - Foto N.14
    La Fondazione Cineteca di Bologna proporrà una rassegna che racconterà l'influenza di Hopper sul cinema, a partire dal cinema noir fino ad arrivare a "Shirley - Visions of Reality" di Gustav Deutsch (2013) (Credit: Edward Hopper (1882 1967), New York Interior. c. 1921 Oil on canvas, 61,8x74,6 cm. Whitney Museum of American Art, New York; Josephine N. Hopper Bequest © Heirs of Josephine N. Hopper, Licensed by Whitney Museum of American Art) - Città e celebrità, i miti d'oggi nelle Polaroid di Maurizio Galimberti

Tutti i marchi Sky e i diritti di proprietà intellettuale in essi contenuti, sono di proprietà di Sky international AG e sono
utilizzati su licenza. Copyright ©2016 Sky Italia - P.IVA 04619241005 - Segnalazione abusi

Hai dimenticato i tuoi dati di accesso? Clicca qui

Non sei registrato? Registrati ora

Recupera password
Ti informiamo che a breve riceverai una e-mail che ti permetterà di modificare la tua password
Aggiorna indirizzo email
Calcola codice fiscale
Aggiorna indirizzo email
E' stata inviata una email di conferma al nuovo indirizzo che hai specificato, la procedura di aggiornamento sarà completa non appena selezionerai il link di conferma.
Aggiorna indirizzo email
Si è verificato un errore durante la procedura di aggiornamento. Riprovare più tardi
Caricamento in corso...