Non si placano le polemiche sulla frase pronunciata da Guido Bertolaso in merito alla non opportunità che Giorgia Meloni, in attesa di un bimbo, si candidi a sindaco di Roma. Per Berlusconi, che ha confermato l'appoggio all'ex numero uno della Protezione civile, non si può fare contemporaneamente la mamma e il sindaco. Per il premier Matteo Renzi invece assolutamente sì. Il ministro Madia definisce "insopportabile che tutti dicano cosa fare. Ogni donna è in grado di discernere". La presidente della Camera Boldrini osserva: "Solo Meloni ha diritto di decidere". Non risparmia critiche anche Salvini: "Bertolaso è fermo a 50 anni fa".

Meloni pronta a candidarsi - E intanto si è concluso l'Ufficio di Presidenza di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale che all'unanimità si è detto favorevole alla candidatura di Giorgia Meloni a sindaco di Roma. "Il presidente di FdI comunicherà domani la sua decisione definitiva dopo aver sentito gli alleati del centrodestra".  Un via libera arrivato poco prima delle nuove frasi di Bertolaso sulla vicenda:  "Certo - ha detto - se la Meloni avesse partorito sei mesi fa potrebbe fare tranquillamente il sindaco". "Da medico e marito - ha spiegato - credo sia micidiale costringere una donna in queste condizioni a dover subire il momento più bello della propria vita come il momento più difficile e amaro".

 

Giachetti: "Se uomini cambiassero qualche pannolino in più il Paese sarebbe migliore" - E anche l'altro candidato sindaco, il pd Roberto Giachetti, interviene sul tema e su Twitter scrive:

 

 

 

 

Mamme in politica, 70 anni di frasi e gaffe sessiste