Giuseppe Sala, 58 anni, sarà il candidato sindaco del centrosinistra a Milano. Con il 42% dei consensi (24.961 preferenze) l'ex commissario di Expo ha infatti vinto le primarie della coalizione che si sono tenute in città sabato 6 e domenica 7 febbraio. Francesca Balzani si è fermata al 34% (20.567 voti), mentre Pierfrancesco Majorino ha chiuso con il 23% (pari a 13.589) e Antonio Iannetta con 0,7% (432) (FOTO).

 


 

Sala: "Ha vinto Milano" - "Mi sento felice, è una responsabilità importante" è stato il primo commento di Beppe Sala. "Ha vinto Milano con primarie fatte bene, con quattro candidati e tanta gente -  ha aggiunto prima di dirigersi al Teatro Elfo Puccini dove è stato accolto sul palco dalle note di Heroes di David Bowie - Sono felice, da domani si ricomincia". E con i suoi competitor "lavoreremo insieme", ha assicurato.

 


 

Renzi: "In bocca al lupo" - Sala ha poi ricevuto la telefonata di Matteo Renzi: questa è un'occasione per fare "in bocca al lupo a Beppe", a Milano e ai milanesi per la sfida per Palazzo Marino, ha detto il premier. E ha aggiunto: "Ringrazio tutti coloro che hanno votato, i militanti e i volontari che hanno lavorato ai gazebo e i candidati che si sono confrontati sul futuro di questa grande città".

 

Balzani: "Rammarico per mancata alleanza con Majorino" -  Congratulazioni anche da parte della sfidante Francesca Balzani: "Faccio i miei complimenti a Beppe Sala che ha fatto certamente un buon risultato" ha detto la vice sindaco di Milano al suo arrivo al teatro Elfo Puccini. Poi si è tolta un sassolino dalla scarpa: "Sono molto rammaricata. Fino all'ultimo giorno ho continuato a ripetere a Pierfrancesco Majorino che la porta era aperta, che avrei voluto con lui un progetto comune. Questo non è stato possibile e tra le tante realtà dei numeri c'è, anche, questa. Per me, e per molti milanesi, una nota di rammarico". E' solo "riunendoci -  sottolinea il giorno dopo ai microfoni di Sky TG24 - che questo elettorato si ritroverà compatto, per vincere a giugno le elezioni. Questo voto - conclude - mostra che Milano vuole il centrosinistra, una sinistra responsabile, costruttiva e di governo".

 

Majorino: avanti insieme  - "Andiamo avanti insieme" ha affermato anche l'altro candicato alle primarie di centrosinistra, Pierfrancesco majorino. "Abbiamo fatto bene a tenere fede all'impegno di costruire una grande competizione leale nel centrosinistra che da domani deve andare avanti unito a sostegno del nostro candidato sindaco Beppe Sala - ha detto - Adesso mettiamo a disposizione tutta la nostra energia e i contenuti per la sfida che dobbiamo e possiamo vincere a giugno. Dobbiamo dare tutti il massimo. Abbiamo una carta dei valori che abbiamo sottoscritto. Andiamo avanti insieme".

 

Polemiche sugli immigrati - Le primarie sono state caratterizzate anche dalla polemica sugli immigrati.  "Le primarie Pd sono taroccate. Il candidato sindaco Pd a Milano non sarà scelto dai milanesi o dai militanti Pd (esistono ancora?) ma da cinesi che sanno a malapena parlare l'italiano. Un #PdMadeInChina" scrive sul blog Beppe Grillo. Pronta la replica di Renzi: "Hanno sempre da ridire sulle nostre primarie, quelli che mandano cinquanta persone a fare click". E in serata il leader della Lega Matteo Salvini è tornato sulle polemiche: "Alle primarie Pd a Milano, vince Sala coi soldi di Expo e i voti dei Cinesi. Proposte Lega per Milano sono concrete, moderne, sicure: vinceremo".